Cronaca

I segretari generali Landini, Sbarra e Bombardieri in piazza a Siderno

Per i segretari di Reggio Calabria, Pititto, Logiacco, Perrone e Azzarà: "L'evento del 26 luglio è un’opportunità non solo per il territorio della Locride, ma anche dell’area metropolitana"

dasinistra Landini, Sbarra e Bombardieri (foto sito Uil)

"L’evento di Siderno che vedrà la presenza del segretario generale Cgil Maurizio Landini, del segretario generale Cisl Luigi Sbarra e del segretario generale Uil Pierpaolo Bombardieri rappresenta un’opportunità non solo per il territorio della Locride, ma anche dell’area metropolitana".

Lo affermano i segretari generali di Reggio Calabria Gregorio Pititto, (Cgil), Celeste Logiacco, (Cgil Piana di Gioia Tauro), Rosy Perrone (Cisl) e Nuccio Azzarà (Uil) che aggiungomo: "Accendere i riflettori sulle tante criticità dell’estremo sud del Paese non è un fatto squisitamente simbolico, ma ha un’incidenza politica sindacale, e che testimonia la voglia di riscatto per una comunità che ha lo straordinario bisogno di non perdere l’opportunità del Recovery Fund. Ultima ancora di salvezza.

La presenza a Siderno dei leaders sindacali è un forte messaggio anche verso un Governo, impegnato nell’organizzazione e nella razionalizzazione delle risorse del Pnrr, affinché non sacrifichi il nostro territorio con scelte anti-meridionaliste".

Per i sindacalisti reggini "tra i temi da dibattere certamente emergerà il senso delle nostre battaglie, nel e per un territorio costretto a rincorrere un gap storico, infrastrutturale, economico e di sviluppo, ma che conserva un patrimonio culturale e di civiltà in grado di farlo ripartire, davvero.

Accogliamo dunque con entusiasmo l’evento di portata nazionale che si svolgerà il 26 luglio a Siderno e attraverso il quale l’intera comunità reggina potrà ritrovarsi nella discussione e nell’approfondimento di idee e proposte che la riguardano da vicino".
 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I segretari generali Landini, Sbarra e Bombardieri in piazza a Siderno

ReggioToday è in caricamento