rotate-mobile
Sabato, 2 Luglio 2022
Il sequestro / Villa San Giovanni

Sigarette di contrabbando, maxi sequestro agli imbarcaderi: 9 tonnellate di "bionde" bloccate

Su un tir proveniente dalla Spagna trovate 45.000 stecche senza il sigillo del Monopolio di Stato per un valore di un milione e mezzo di euro, arrestato un autotrasportatore bulgaro

Le sigarette di contrabbando stanno tornando in auge. Il loro mercato clandestino sta crescendo e la guardia di finanza di Reggio Calabria, da tempo, si è messa sulle tracce dei contrabbandieri. Prova ne sia il sequestro di 9 tonnellate di sigarette di contrabbando e l'arresto del conducente dell'autorticolato che è stato posto sotto controllo dai militari del comando provinciale di Reggio Calabria, guidati dal colonnello Maurizio Cintura, nel corso di un servizio finalizzato alla prevenzione e repressione dei traffici illeciti.

In particolare, i finanzieri della compagnia di Villa San Giovanni hanno sottoposto a un ordinario controllo di polizia un tir, proveniente dalla Spagna, mentre era in procinto di imbarcarsi su un traghetto diretto in Sicilia. Nel corso dell’ispezione, sono state rinvenute 45.000 stecche di sigarette prive del sigillo del Monopolio di Stato, inscatolate e posizionate su trentatré pedane in legno. Il carico illecito e l’automezzo sono stati sottoposti a sequestro probatorio.

L’autista, un quarantottenne bulgaro incensurato in Italia, è stato arrestato in flagranza di reato per contrabbando e posto a disposizione dei giudici reggini, che, venerdì scorso, lo ha processato con rito direttissimo. All’esito del processo, il tribunale di Reggio Calabria, impregiudicata ogni diversa valutazione negli eventuali successivi gradi di giudizio, ha condannato il cittadino bulgaro alla pena di un anno e quattro mesi di reclusione e disposto la confisca del carico illecito che, qualora venduto al dettaglio, avrebbe fruttato quasi un milione e mezzo di euro.

"L’attività di servizio - si legge in una nota delle fiamme gialle - testimonia il costante presidio esercitato dalla cuardia di finanza di Reggio Calabria sul territorio - nel solco delle puntuali indicazioni dell’Autorità Giudiziaria reggina - a salvaguardia delle leggi e a contrasto dei fenomeni connotati da forte pericolosità sociale: il contrasto al contrabbando, oltre a garantire condizioni paritarie di concorrenza tra gli operatori economici, tutela la salute dei consumatori e restituisce risorse allo Stato".

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sigarette di contrabbando, maxi sequestro agli imbarcaderi: 9 tonnellate di "bionde" bloccate

ReggioToday è in caricamento