menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
da sinistra Minasi, Zimbalatti e Spirlì

da sinistra Minasi, Zimbalatti e Spirlì

"Eccellenza calabrese", il presidente Spirlì in visita al dipartimento di Agraria

Il numero uno dell'esecutivo regionale, accompagnato dal direttore Zimbalatti e dalla consigliera regionale Minasi ha visitato uffici, aule e laboratori. L'invito ai genitori: "Fate studiare qui i vostri figli"

Questa mattina, il presidente facente funzioni della Regione, Nino Spirlì, si è recato in visita al dipartimento di Agraria dell’Università Mediterranea di Reggio Calabria, accompagnato dal direttore Giuseppe Zimbalatti e dalla consigliera regionale, Tilde Minasi.

"Come sempre - ha dichiarato il presidente Spirlì - questa Calabria mi regala delle perle incredibili. Sapevo dell’esistenza di questo dipartimento e oggi mi sono reso conto personalmente che è una perla che si aggiunge alle altre del grande forziere che è la Calabria".

Il numero uno dell'esecutivo regionale ha visitato il dipartimento aula per aula, laboratorio per laboratorio incontrando "con grande piacere ricercatori, professori e allievi. Arrivano da tutta Italia, qui continuano a studiare il suolo e le piante anche in questo momento difficilissimo. Le nostre università sono pari e, in molti casi, superiori ad altre. L’invito ai genitori è di vagliare la possibilità di fare studiare i ragazzi in Calabria e di scegliere, per esempio, proprio la facoltà di Agraria di Reggio".

Il presidente ha inoltre ha visitato uffici, aule e laboratori, tra cui quelli di tecnologia del legno, preparazione del suolo e dei vegetali, biochimica, genetica e agronomia.

"Ho visto - ha aggiunto Spirlì - il prototipo di bici prodotta con il castagno d’Aspromonte e con i loghi del Parco nazionale dell’Aspromonte e del dipartimento di Agraria. Tre eccellenze in una: una naturale e le altre due volute dalla gente di Calabria. È veramente una grande fortuna poter contare su una realtà come questa. Riflettiamoci, perché è da qui che nasce la nuova Calabria e da qui può nascere la nuova Italia".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ReggioToday è in caricamento