rotate-mobile
Il ricordo

Strage di via D'Amelio, Mancuso: "Rinforzare l'impegno comune per sradicare le mafie"

Il ricordo del presidente del Consiglio regionale della Calabria nel 31esimo anniversario dell'attentato in cui persero la vita il magistrato Paolo Borsellino e cinque agenti della scorta

"A 31 anni dalla brutale strage di via D'Amelio che ha segnato profondamente la storia del Paese e della nostra democrazia, gli italiani non dimenticano il giudice Paolo Borsellino e gli agenti della scorta che con lui persero la vita: Agostino Catalano, Emanuela Loi, Vincenzo Li Muli, Walter Eddie Cosina e Claudio Traina".

Sono le parole di Filippo Mancuso, presidente del Consiglio regionale della Calabria che aggiunge: "Al dovere civico della memoria e ai sentimenti di sofferta commozione che suscita il ricordo di quel vile attentato del 19 luglio 1992 a Palermo, occorre unire, sempre più saldo e determinato, l’impegno comune nel rigoroso contrasto all’illegalità e per un’Italia libera dalle mafie"

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Strage di via D'Amelio, Mancuso: "Rinforzare l'impegno comune per sradicare le mafie"

ReggioToday è in caricamento