Il bergamotto di Reggio Calabria potrebbe essere l'arma in grado di inibire il Coronavirus

Una ricerca dell’università La Sapienza di Roma, condotta insieme agli atenei "Vita-Salute" di Genova e "San Raffaele" di Milano, accende i riflettori sulle potenzialità della naringenina

Il bergamotto

Il bergamotto di Reggio Calabria potrebbe essere un’arma in grado di fermare il Coronavirus. La notizia arriva da uno studio condotto dall’università La Sapienza di Roma insieme agli atenei "Vita-Salute" di Genova e "San Raffaele" di Milano.

Secondo i ricercatori, il bergamotto, insieme ad altri agrumi, porterebbe in dote una sostanza: la naringenina, che sarebbe in grado di inibire i processi infettivi del Covid-19.

L’intuizione è nata nel laboratorio dell’Unità di Istologia ed Embriologia Medica di Antonio Filippini, nell’università romana: si è pensato che la proliferazione di coronavirus si possa prevenire inibendo uno specifico bersaglio molecolare responsabile della progressione del virus appena entrato nella cellula. Al momento lo studio è in fase di verifica ed i risultati dei primi test sembrano confermare l’intuizione originaria dei ricercatori italiani.

La naringenina, come  spiega la Società italiana di farmacologia, è un composto della famiglia dei flavonoidi, solitamente presenti nelle piante. Ha attività antiossidante e di modulazione del sistema immunitario, si trova in grandi quantità nel pompelmo, nel bergamotto e, in minore quantità, anche nel limone, nelle arance e nei mandarini.

Quella contro il Coronavirus è solo l'ultima frontiera sulla bontà del bergamotto sulla salute. Vi sono, infatti, parecchi studi scientifici che dimostrano come i flavonoidi contenuti nel bergamotto abbiano un’azione molto simile a quella delle statine di sintesi, ovvero di bloccare gli enzimi della sintesi del colesterolo. 

Altri studi, poi, dimostrano come l’utilizzo di succo di bergamotto contribuisca anche a ridurre i livelli di LDL, colesterolo “cattivo”, e ad alzare i livelli di HDL, colesterolo “buono”.

La naringenina, proprio la molecola al centro dello studio scientifico anti Covid-19, da polifenolo contenuto nel succo di bergamotto, oltre all’attività “anticolesterolo” appena vista, aumenta l’assimilazione di glucosio nei muscoli e nel fegato, pertanto contribuisce a diminuire i livelli di glucosio nel sangue e a migliorare l’attività dell’insulina.

Le proprietà antiossidanti del succo di bergamotto, ancora, aumentano l’attività degli enzimi con azione antiossidante, limitano la produzione di radicali liberi sulle pareti dei vasi sanguigni e contrastano i meccanismi infiammatori.

Il bergamotto, poi, dato l’elevato contenuto in vitamina C, B1, B2,  che migliorano l’assorbimento del ferro, è utile nel supporto alle terapie per le anemie. L'oro verde di Calabria, infine, è un ottimo stimolante per l’appetito e, per l'alto contenuto di acido critrico, è efficace contro parassiti intestinali. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il pm Musolino boccia i commissariamenti: "Fallimento a tutto tondo"

  • Il Tar Calabria boccia la scelta di Spirlì, per i giudici amministrativi si può tornare in classe

  • Coronavirus, la Calabria resta in zona rossa: nuova ordinanza del ministro Speranza

  • 'Ndrangheta, sigilli alla "Pescheria del viale" e ai conti di Alfonso Molinetti e dei familiari

  • Un malore stronca un anziano sul centralissimo Corso Garibaldi

  • Birre al bergamotto e all’estratto di olive conquistano il palato e fanno bene alla salute

Torna su
ReggioToday è in caricamento