Svastiche e minacce sui muri dell'Istituto Lucianum: denunciato l'autore

Gli agenti sono intervenuti in via Monsignor De Lorenzo, dopo una segnalazione. L'autore del gesto, un uomo con problemi psichici, è già noto alle forze dell'ordine

Le svastiche sui muri del Lucianum (foto Andrea Francesco Calabrese pagina Fb)

“Sbirri infami”, “Cutrupi 6 un morto che cammina” e alcune svastiche. Queste le scritte che questa mattina sono state scoperte, in via Monsignor De Lorenzo, sui muri di recinzione dell’istituto scolastico Lucianum.

Dopo la segnalazione, sul posto sono intervenuti gli agenti delle volanti, della Digos e della scientifica, che dopo aver acquisito le immagini del sistema di video sorveglianza hanno accertato che le scritte, in vernice color oro, erano opera di una persona, già nota alle forze dell’ordine.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L’uomo, pare infatti essere affetto da gravi problemi psichici, e protagonista di numerosi altri danneggiamenti dello stesso tipo proprio in questa zona della città. Il responsabile è stato denunciato per danneggiamento e minacce gravi.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Rocco Santo Filippone: il mediatore "un passo sotto Dio" nella gerarchia mafiosa

  • Intercettazioni e collaboratori di giustizia, le basi investigative dell'operazione "Pedigree"

  • Operazione "Pedigree", 500 euro per portare un cellulare in carcere a Maurizio Cortese

  • Festa di Madonna, la processione non si farà: la Sacra Effigie sarà esposta in Cattedrale

  • Incendiata l'auto di un imprenditore, la solidarietà di Confindustria e Ance Reggio

  • 'Ndrangheta, schiaffo alle storiche cosche Serraino e Libri: ecco i nomi dei 12 arrestati

Torna su
ReggioToday è in caricamento