Coronavirus, il Tar Calabria boccia in parte l'ordinanza di Spirlì sulla chiusura delle scuole

Da domani potrebbero tornare in aula gli alunni delle primarie, l'unico ostacolo potrebbero essere le ordinanze restrittive emesse dai sindaci

Una classe scolastica

Il Tar della Calabria ha sospeso in parte l'ordinanza, firmata martedì scorso dal presidente facente funzioni della Regione, Antonino Spirlì, che ha previsto di prolungare la chiusura delle dal 7 al 15 gennaio per le primarie fino al 31 per le superiori.

La sospensione dell'ordinanza riguarda la parte relativa alla scuola primaria, elementari e medie, che pertanto tornano in presenza, mentre la didattica a distanza è confermata per il periodo indicato soltanto per le scuole superiori e di formazione professionale. La trattazione collegiale dell'istanza cautelare è stata fissata per la prima udienza utile. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Aperitivo con oltre 20 persone in un negozio etnico: cinque multe e attività chiusa

  • "Vado a posare il fucile e poi torno", gli attimi seguenti all'omicidio nel racconto del figlio delle vittime

  • Per i Carabinieri ad uccidere i coniugi di Calanna sarebbe stato Francesco Barillà

  • Consumavano in un locale oltre l'orario di apertura: fioccano multe e chiusa l'attività

  • Duplice omicidio di Calanna, arrestato il responsabile della morte dei coniugi Cotroneo

  • La battaglia del primario Amodeo per una sanità pulita: "Non mi imbavaglieranno"

Torna su
ReggioToday è in caricamento