rotate-mobile
Martedì, 25 Gennaio 2022
Cronaca

Ristoranti e bar aperti, il Tar boccia l'ordinanza della Santelli e dà ragione al Governo

Il Tar di Catanzaro ha accolto questa mattina il ricorso presentato dal Consiglio dei ministri, attraverso l'Avvocatura generale dello Stato. "Non è la stagione delle divisioni, dei protagonismi e dell'individualismo", il commento a caldo del ministro Boccia

Annullata l'ordinanza di Jole Santelli che riapriva in anticipo, rispetto alle decisioni del Governo, bar, pizzerie e ristoranti con servizio all'aperto. Il primo match della vicenda, dunque, se lo aggiudica Palazzo Chigi, la governatrice della Calabria non ci sta e dichiara: "Questa è una vittoria di Pirro".

Il Tar di Catanzaro ha accolto, questa mattina, il ricorso presentato dal Consiglio dei ministri, tramite l'Avvocatura generale dello Stato, contro l'ordinanza del presidente della Calabria che, lo scorso 29 aprile, aveva consentito ai bar, ristoranti e agriturismo di poter effettuare il servizio ai tavoli all'aperto.

Le reazioni pro e contro del mondo politico

La sentenza e la chiusura delle attività

"Spetta infatti al presidente del Consiglio dei ministri individuare le misure necessarie a contrastare la diffusione del Covid-19 mentre alle Regioni è dato intervenire solo nei limiti delineati dall'art. 3, comma 1 d.l. n. 19 del 2020, che però nel caso di specie è indiscusso che non risultino integrati". 

Il Tar di Catanzaro quindi "accoglie il ricorso e annulla l'ordinanza del presidente della Regione Calabria del 29 aprile 2020 nella parte in cui dispone che sul territorio della Regione, è 'consentita la ripresa delle attività di bar, pasticcerie, ristoranti, pizzerie, agriturismo con somministrazione esclusiva attraverso il servizio con tavoli all'aperto'. Ordina che la sentenza sia eseguita dall'autorità amministrativa". E' quanto si legge nella sentenza del Tar che di fatto richiude le attività che la Regione aveva riaperto. 

La parola alla difesa della Regione Calabria

 "E' una decisione pur rispettabile ma ininfluente - ha affermato l'avvocato Oreste Morcavallo, uno dei legali che ha assistito la Regione Calabria - l'ordinanza infatti ha avuto piena esecuzione per 11 giorni e il Governo ha preannunciato per mercoledì che disporrà l'apertura di bar e ristoranti a livello generale. La Regione ha vinto con il mancato accoglimento del decreto cautelare ed ha avuto un importante risultato acquisendo la primazia politico-istituzionale di tutela delle prerogative costituzionali delle regioni". 

Il commento del ministro Boccia

"Le sentenze e le leggi non si discutono ma si applicano. E questo deve valere per ognuno di noi". Questo il commento del ministro per gli Affari regionali e le Autonomie, Francesco Boccia che ha aggiunto "la sicurezza sui luoghi di lavoro per lavoratori e cittadini è una nostra priorità assoluta nell'emergenza Covid-19. Il governo sta facendo ripartire il Paese in sicurezza. Non è la stagione delle divisioni, dei protagonismi e dell'individualismo".

Falcomatà: "Rischiava di mandare tutto all'aria"

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ristoranti e bar aperti, il Tar boccia l'ordinanza della Santelli e dà ragione al Governo

ReggioToday è in caricamento