menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
La droga sequestrata

La droga sequestrata

Coltivavano oltre 3000 piante di marijuana, in quattro condannati in abbreviato

Erano stati arrestati lo scorso anno dai carabinieri di Taurianova, per tutti pena di anni 5 e mesi 4 di reclusione e alla multa di 32.000 euro, il pm ha contestato anche il reato di uccisione di animali per aver cagionato la morte di 13 galline

Nei giorni scorsi, sono stati condannati dal Giudice dell’udienza preliminare del Tribunale di Palmi, Francesco Petrone, che ha condiviso la tesi accusatoria della Procura della Repubblica di Palmi, rappresentata dal pm Davide Lucisano: Carmelo Avati, 29enne; Paolo Monterosso, 31enne; Giuseppe Sicari, 27enne e Giuseppe Startari, 33enne; tutti di Taurianova alla pena di anni 5 e mesi 4 di reclusione e alla multa di 32.000 euro, per ognuno.

I condannati, nel luglio 2019, erano stati arrestati dai Carabinieri della compagnia di Taurianova, insieme ai “Cacciatori” dello squadrone eliportato di Vibo Valentia, per coltivazione di sostanze stupefacenti, poiché sorpresi a coltivare 3200 piante di canapa indiana di altezza variabile tra 50 e 150 cm, in località Querce di Cittanova.

Dura quindi la condanna nonostante le diminuzioni di pena del rito abbreviato per i giovani taurianovesi, che sono stati portati in giudizio sia per il reato di coltivazione di sostanza stupefacente del tipo cannabis, aggravato dalla ingente quantità - oltre 540.000 le dosi medie singole calcolate nei successivi accertamenti tecnici del Ris di Messina -, sia per il reato di furto aggravato di energia elettrica e di acqua.

I quattro, infatti, come accertato dagli accertamenti successivi, avevano realizzato un allaccio abusivo alla rete elettrica pubblica al fine di asportare l’energia necessaria alla strumentazione di irrigazione delle piante ed alla rete idrica comunale, sottraendo un’ingente quantità di acqua proprio per la coltivazione e crescita delle piante.

Il pm Davide Lucisano, inoltre, ha contestato agli imputati anche il reato di uccisione di animali, in quanto, per crudeltà e senza necessità, avevano causato la morte di 13 galline, le cui carcasse erano state appese con lo scopo di nascondere gli odori provenienti dalla piantagione.

Un primo rilevante giudizio che, soprattutto, ha riconosciuto l’aggravante della ingente quantità per la coltivazione di oltre tremila piante di marijuana, consentendo una sentenza di condanna molto severa.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Benessere

I 5 DPI più efficaci per contrastare il Covid-19

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ReggioToday è in caricamento