Venerdì, 30 Luglio 2021
Cronaca

Superlavoro per le Volanti, due arresti in poche ore per aggressione e minacce

Nel primo caso gli uomini del questore Megale hanno assicurato alla giustizia un 38enne che aveva preso di mira una donna ritenendola colpevole di avergli investito il cane e, successivamente, arrestato un uomo per tentata estorsione ai danni del fratello

Una Volante della Polizia di Stato

Doppio intervento e doppio arresto degli agenti delle Volanti. Gli uomini del questore Bruno Megale, infatti, hanno stretto le polsi di un giovane che aveva aggredito verbalmente una donna ritenendo colpevole di avergli investito io cane e, nel secondo caso, ad un uomo che aveva minacciato il fratello mettendogli, a scopo estensivo, dei proiettili sul parabrezza dell’autovettura.

Il tempestivo intervento degli agenti della Polizia di Stato dell’Ufficio prevenzione generale e soccorso pubblico, coordinati dal questore Bruno Megale, ha permesso di mettere in sicurezza una donna, aggredita verbalmente in strada, nella centrale Piazza Sant’Agostino, da un 38enne reggino che la riteneva responsabile della morte del proprio cane per investimento.

All’arrivo della Volante l’uomo ha reagito ancor più violentemente, sferrando calci e pugni ai poliziotti intervenuti. L’aggressore è stato condotto presso gli uffici della Questura ed arrestato per lesioni, minacce e resistenza a pubblico ufficiale. L’uomo, su disposizione della locale autorità giudiziaria, è stato sottoposto alla misura cautelare degli arresti domiciliari.

L’instancabile impegno degli agenti in servizio di controllo del territorio ha permesso, nella stessa giornata, di arrestare un uomo per il reato di tentata estorsione, perpetrata ai danni del fratello. Il segnalante aveva rinvenuto sul tergicristallo della propria autovettura delle cartucce ed aveva fornito elementi utili per individuare l’autore dell’illecito.

I poliziotti, recatisi presso l’abitazione del sospettato, hanno proceduto a perquisizione, rinvenendo due pistole a salve, un passamontagna e del munizionamento illegalmente detenuto, corrispondente con quello rinvenuto dalla vittima. L’uomo è stato pertanto arrestato per tentata estorsione ed è stato denunciato per il reato di minaccia aggravata e, in concorso con la moglie, per detenzione abusiva di munizionamento.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Superlavoro per le Volanti, due arresti in poche ore per aggressione e minacce

ReggioToday è in caricamento