rotate-mobile
L'esperienza

"Sisma dello Stretto", l'esperienza in prima fila del Soccorso alpino

Durante le esercitazioni gli operatori sono stati attivi presso la sala operativa e sul campo per prestare soccorso

Dal 4 al 6 novembre 2022, Calabria e Sicilia sono state protagoniste dell’esercitazione che ha l’obiettivo di testare la risposta operativa del a un evento sismico, in un’area a elevata pericolosità.“Sisma dello Stretto 2022”.

sisma curciojpgNumerose le componenti e le strutture operative che hanno partecipato al test.

Presente anche il Corpo nazionale soccorso alpino e speleologico che, oltre ad occuparsi del soccorso degli infortunati, dei pericolanti, dei soggetti in imminente pericolo di vita e a rischio di evoluzione sanitaria, alla ricerca e al soccorso dei dispersi e al recupero dei caduti in ambiente montano ed ipogeo e in aree impervie del territorio nazionale, presta attività in caso di essendo anche una struttura nazionale operativa del servizio nazionale della Protezione Civile.

Presenti tecnici della del presso la sala operativa allestita a Reggio Calabria, a supporto delle operazioni di coordinamento e pronti subito ad intervenire.

Durante “Sisma dello Stretto 2022” è stata prevista una nuova sperimentazione del sistema di allarme pubblico nazionale  che informa, tramite l’invio di notifiche istantanee sui cellulari, i cittadini di gravi emergenze o eventi catastrofici imminenti o in corso. 

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Sisma dello Stretto", l'esperienza in prima fila del Soccorso alpino

ReggioToday è in caricamento