Primo treno Pop sui binari calabresi, Marino: "Un grande risultato che nasce da lontano"

Il consigliere comunale del Pd ricorda l'iter che ha portato all'avvio del nuovo servizio ferroviario e rilancia: "Ora completare l’ammodernamento degli altri servizi territoriali"

il treno Pop

"Il semaforo verde al primo dei quattro treni "Pop" sulla tratta Reggio Calabria-Cosenza, è una notizia che va salutata con enorme soddisfazione perché va nella direzione della tanto auspicata crescita e del potenziamento complessivo del sistema regionale dei trasporti. In un momento così difficile per il territorio calabrese che deve fare i conti con le dure restrizioni imposte dall’emergenza Covid che lo vedono annoverato fra le regioni “rosse”, è molto importante intervenire sui servizi essenziali, specie in materia di mobilità, al fine di scongiurare la paralisi definitiva del tessuto sociale e produttivo".

Così il consigliere comunale di Reggio Calabria, Giuseppe Marino che nelle vesti di ex assessore comunale ai trasporti, si è speso in prima persona per il raggiungimento di questo risultato. "Oggi è giusto sottolineare positivamente l'avvio di questo nuovo e fondamentale servizio - ribadisce Marino – ma è anche doveroso ricordare che tale risultato è il frutto di un preciso percorso avviato dall'amministrazione regionale guidata da Mario Oliverio e condotta passo dopo passo con grande competenza e attenzione dagli assessori Francesco Russo e Roberto Musmanno.

Un lavoro che ha registrato il felice esito nel dicembre del 2019 con la firma del nuovo contratto di servizio fra Regione Calabria e Trenitalia per il periodo 2018-2032 e che porterà entro il 2026 al rinnovo della flotta regionale, grazie ad un investimento di circa 300 milioni che prevede 27 nuovi treni e la consegna, appunto, dei primi quattro già nel 2020. Ora – continua Marino – è importante proseguire nel solco tracciato in questi anni e che ha visto protagonisti i territori e le aree metropolitane nel quadro di una strategia partecipata di rilancio dei trasporti.

Strategia che deve andare avanti e a cui il territorio di Reggio Calabria guarda con grande attenzione, anche in ragione degli importantissimi risultati conseguiti nei mesi scorsi e suggellati dalla firma della convenzione per la realizzazione di tre stazioni ferroviarie (S.Leo, Bocale II e S. Elia) e il completamento dell'upgrade tecnologico della tratta RFI tra Melito e Rosarno grazie ad un finanziamento di 23 milioni di euro (decreto n. 587 del 22.12.2017).

Tutti interventi di primaria importanza per la città di Reggio Calabria e l'intero territorio metropolitano e i cui iter stiamo seguendo da vicino anche grazie al prezioso e qualificato contributo del nuovo assessore comunale ai trasporti, Mariangela Cama, che ha già posto questi progetti al centro della propria agenda. L’auspicio - conclude Marino - è che si possa dare presto nuovo impulso alla sinergia istituzionale e allo slancio progettuale fra i vari enti e livelli di governance, a cominciare da quello regionale, al fine di portare a compimento tutti i passaggi necessari per realizzare il tanto atteso salto di qualità nel sistema della mobilità e dei trasporti calabrese".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il Tar Calabria boccia la scelta di Spirlì, per i giudici amministrativi si può tornare in classe

  • Lavori sulla linea ferroviaria jonica, operaio muore nei pressi della stazione di Condofuri

  • Guido Longo verso la Calabria, primo obiettivo: riaprire gli ospedali chiusi

  • Ospedali e Covid, l'allarme di Amodeo: "Asp reggina impermeabile a ogni proposta"

  • Verso il 25 novembre, Maria Antonietta finalmente lascia il Gom e torna a casa

  • Reggio e la Calabria in zona arancione da domenica 29 novembre: ecco cosa cambia

Torna su
ReggioToday è in caricamento