rotate-mobile
Martedì, 17 Maggio 2022
Cronaca

Dopo il vertice regionale con le forze sociali, l'Ugl attacca: "E' stato di agitazione"

Per la segretaria generale Cuzzupi si tratta dell'ennesimo tentativo di limitare la democrazia e il futuro della regione

L’Ugl Calabria manifesta "tutta la propria inquietudine di fronte all’ennesimo tentativo di limitare la democrazia e il futuro della regione nell’ambito angusto di stanze del potere stantie e deleterie. L’incontro tenuto tra il vertice regionale e una parte delle forze sociali, nello specifico la “solita triade”, rappresenta in maniera palese il perseverare nella vecchia logica di limitare, negli ambiti di un potere ben definito e nebuloso, ogni prospettiva d’investimento che dovrebbe, invece, essere aperto a tutti i contributi proprio per il bene della nostra terra".

“È persino imbarazzante - afferma Ornella Cuzzupi segretario generale Ugl della Calabria - dover prendere atto che anche questa amministrazione intende la gestione della “res pubblica” come un fatto privato tale da potersi scegliere gli attori e gli interlocutori in modo dispotico e non secondo l’interesse della nostra terra. L’Ugl ha presentato a suo tempo - direttamente al Presidente e alla Vicepresidente della Regione - progetti e iniziative che avrebbero dato lustro e prospettiva al lavoro e al territorio, ma invece di rispondere e prendere atto di quanto proposto, si è preferito rivolgere lo sguardo altrove coinvolgendo, in fumosi discorsi fatti di sola apparenza, chi della politica e del sindacato ne fa un uso strumentale per interessi propri e di parte”.

L’Ugl Calabria a tutto ciò non ci sta, pretende la chiarezza nei rapporti e la trasparenza in ogni singolo aspetto legato alla gestione della Regione.

“Non accetteremo mai - continua il segretario regionale - di prendere parte a sceneggiate senza concretezza e a convocazioni che sanno di copertura per altri fini. Lo abbiamo detto e lo ripeteremo sempre: vogliamo un progetto concreto, chiaro, trasparente e condiviso per la rinascita della nostra terra. Forse è questo che fa paura. Noi abbiamo posto sul tappeto temi realistici ai quali occorre dare risposta. Lo abbiamo fatto in maniera chiara, leale e onesta. Di fronte a ciò, il presidente Occhiuto, ha preferito dar seguito a deleterie logiche politiche, forse decise da altre parti, piuttosto che affrontare il problema Calabria nella sua gravità ed urgenza”. 

Tutto il direttivo regionale, unanimemente, ha condiviso la relazione del proprio leader che ha continuato: “Inaccettabile, solo questo è il termine con il quale descrivere quello che sta accadendo nella nostra regione. Inaccettabile e vergognoso che a determinare il futuro dei calabresi siano meccanismi di potere locale e alchimie romane. No, l’Ugl intende portare avanti la propria battaglia per la trasparenza e la Calabria senza alcun timore. Per questo motivo si indice lo stato di agitazione di tutte le categorie, preannunciano che senza forti segnali di un’inversione di tendenza si aprirà una stagione di lotta a difesa del popolo calabrese e del futuro dei figli di questa sempre più martoriata terra. Il grido è uno solo: ora basta!".   

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Dopo il vertice regionale con le forze sociali, l'Ugl attacca: "E' stato di agitazione"

ReggioToday è in caricamento