Sabato, 24 Luglio 2021
Cronaca

La Uil piange la scomparsa dello storico dirigente reggino Pietro Larizza

Il leader del sindacato era nato a Reggio Calabria nel 1935. Alle elezioni politiche del 2008 è stato candidato in Calabria e Lazio come capolista al Senato per il Partito Socialista

Pietro Larizza (foto Twitter)

La Uil è in lutto e piange la scomparsa di Pietro Larizza. Storico dirigente reggino del sindacato di via Lucullo, Larizza è stato segretario generale dal 1992 al 2000, "promuovendo e vivendo, da protagonista, la stagione della concertazione che portò alla firma del famoso Protocollo del luglio 1993 con il Governo Ciampi. La Uil tutta -  si legge in una nota del sindacato - si stringe in doloroso silenzio al fianco della moglie e dei familiari e onora la memoria di uno dei Padri nobili dell’organizzazione".

Nato a Reggio Calabria nel 1935, nel '63 fu chiamato a lavorare a Roma alla Cassa per il Mezzogiorno. Socialista convinto e impegnato, nello stesso anno si iscrisse alla Uil. Nel 1973 venne eletto nella segreteria della camera sindacale Uil di Roma, diventandone segretario generale nel 1976. Nel 1979 fu eletto segretario confederale Uil, con delega alle politiche industriali seguendo tutti i dossier più caldi sulle ristrutturazione industriali. Nominato segretario organizzativo nel 1981 divenne leader della Uil nel febbraio 1992 raccogliendo il testimone da Giorgio Benvenuto.

Una carica, questa, che lasciò a giugno 2000. Venne nominato presidente del Cnel, incarico che esercitò fino a giugno 2005. Nell'ottobre del 2003, gli fu attribuita la Laurea Honoris Causa in Giurisprudenza dall'Università degli Studi di Reggio Calabria. Impegnato anche sul fronte politico: fu senatore dell'Ulivo nella XV legislatura. Fino agli ultimi giorni ha diretto l'Istituto per le Riforme delle Istituzioni sociali, un centro studi del sindacato di Via Lucullo.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La Uil piange la scomparsa dello storico dirigente reggino Pietro Larizza

ReggioToday è in caricamento