Cronaca

ZeroMortisulLavoro, la Uiltec rilancia la campagna di sicurezza

I vertici regionali del sindacato sono partiti da Reggio Calabria per dare corso ad una serie di iniziative in tutta la regione

L'iniziativa della Uiltec a Reggio Calabria

La Uiltec Calabria vuole essere una rete di sicurezza per ogni lavoratore. La nostra categoria, colpita da gravi lutti in diversi luoghi di lavoro disseminati lungo l’Italia, sta sostenendo convintamente la campagna #ZeroMortiSulLavoro che è stata lanciata dalla Segreteria generale della Uil, guidata da Pierpaolo Bombardieri.

"Questo nella convinzione che il profitto non possa e non debba essere la stella polare del mondo del lavoro ma che, invece, la ricerca della massima sicurezza sui luoghi di lavoro sia l’unica strada percorribile per proteggere le lavoratrici ed i lavoratori e metterli in condizione di lavorare meglio".

Per questo la Uiltec Calabria, guidata dal segretario regionale Vincenzo Celi, ha deciso di avviare una campagna di sensibilizzazione sui luoghi di lavoro della regione. In un momento assai particolare per il mondo del lavoro. In questa fase di crisi, legata all’emergenza pandemica, alla riduzione dell’orario lavorativa si sta, purtroppo, legando un aumento esponenziale degli incidenti sui luoghi di lavoro. Meno si lavora e più ci si infortuna. La nostra preoccupazione è, quindi, che stia venendo meno la propensione alla cura della sicurezza delle lavoratrici e dei lavoratori.

"La nostra campagna che è partita nei giorni scorsi da Reggio Calabria e che ha visto protagoniste le lavoratrici del settore tessile, coinvolgerà nelle prossime settimane tutti i settori di nostra competenza e l’intero territorio regionale".

L’impegno, come ricordato da Annarita Mancuso, responsabile delle Pari opportunità della Uiltec Calabria, "è quello di creare una rete di sicurezza, di diffondere una nuova cultura della sicurezza e della prevenzione nei luoghi di lavoro, attraverso azioni di formazione sui comportamenti delle lavoratrici e dei lavoratori, ma soprattutto nella cultura di tutte le persone per raggiungere, nel più breve tempo possibile, l’obiettivo di poter ottenere #ZeroMortiSulLavoro". Perché, come ricorda il Segretario generale della Uiltec Paolo Pirani, “la persona viene prima di tutto, anche rispetto ad una commessa di lavoro”.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

ZeroMortisulLavoro, la Uiltec rilancia la campagna di sicurezza

ReggioToday è in caricamento