rotate-mobile
La vicinanza / Varapodio

L’Istituto nazionale azzurro vicino al parroco aggredito don Rigoli

Il presidente Festicini si unisce al vescovo della diocesi di Oppido Mamertina-Palmi, monsignor Giuseppe Alberti, "nel condannare fermamente questo atto di violenza"

Il fondatore e presidente dell’Istituto nazionale azzurro, cav. dott. Lorenzo Festicini esprime profonda preoccupazione e condanna per l'aggressione subita dal parroco di Varapodio, don Giovanni Rigoli.

L'istituto si unisce al vescovo della diocesi di Oppido Mamertina-Palmi, monsignor Giuseppe Alberti, nel condannare fermamente questo atto di violenza. "Ci uniamo - afferma Festicini - alla comunità religiosa e ai fedeli nel manifestare solidarietà a don Giovanni Rigoli e auspichiamo un rapido e completo recupero dalle lesioni riportate.  L'Istituto nazionale azzurro rinnova il proprio impegno a favore della pace e della convivenza pacifica, auspicando che atti di violenza come questo non abbiano più spazio nella nostra società".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

L’Istituto nazionale azzurro vicino al parroco aggredito don Rigoli

ReggioToday è in caricamento