rotate-mobile
La denuncia

Viaggi d'istruzione, Giordano: "Anche gli operatori abusivi sono stati in pista"

Il presidente Confapi turismo e cultura Calabria evidenzia l'abusivismo dei noleggio pullman e chiede urgenti interventi da parte delle istituzioni

"Conclusa la stagione dei consueti viaggi di istruzione - in cui le agenzie di viaggio concorrono attraverso uno specifico iter selettivo, fatto di lunghe pratiche e autorizzazioni varie, dove tanta è la responsabilità, sia dal punto di vista organizzativo che economico - si scopre un contesto infestato dalla presenza di alcuni operatori abusivi", è quanto afferma in una nota Giovanni Giordano presidente regionale di Confapi e delegato Maavi.

"L’ennesima denuncia di Confapi e Maavi alle istituzioni, affinché agiscano urgentemente con interventi massicci a tutela delle imprese in regola, - continua Giordano -  con controlli più serrati sugli abusivi, proprio come accade per le agenzie di viaggi regolari, estremamente controllate – e aggiungiamo in qualche caso vessate - nonostante la stragrande maggioranza sia in linea con ogni obbligo amministrativo, compresa la tassa per la licenza regionale più volte stigmatizzata.

Constatiamo che gli operatori dei viaggi di istruzione sono attenzionati ad ogni partenza dei gruppi scolastici dalle autorità preposte che, pur facendo il proprio giusto dovere, alle volte sembrano proprio esagerare andando alla ricerca di qualsiasi inezia tecnica, mentre un mondo di sommerso, di abusivi, di “pirati” dei viaggi continua ad aggirarsi indisturbato. Veri e propri venditori di pacchetti turistici senza regolare licenza e regolare codice Ateco (7911), che vendono servizi anche alle scuole.

Quest’ultime inconsapevoli di commettere un illecito. Ma ciò non esonera la pubblica amministrazione dalla responsabilità: ci sono “illustri” – fortunatamente pochi - istituti scolastici che non controllano i requisiti degli operatori a cui richiedono la fornitura di servizi, rispetto ad un mondo della scuola attento e scrupoloso a non intessere rapporti con vecchi e nuovi avventurieri dei viaggi.

Giordano Giovanni-2

Tra i casi verificatisi si potrebbe far riferimento a quello dello scorso anno in provincia di Reggio Calabria: protagonisti ignari studenti di un istituto scolastico, finiti sulle pagine dei giornali perché truffati con una “crociera” venduta da un abusivo, invitato “regolarmente” dalla scuola a organizzare il loro viaggio d’istruzione.

Siamo sicuri che sul territorio della Città metropolitana di Reggio Calabria e della Calabria intera non si stiano verificando altri episodi simili nell’ambito dei viaggi di istruzione? Noi di Confapi e Maavi continuiamo a puntare i riflettori verso questi episodi.

E cosa dire dei noleggiatori di pullman? Hanno tutti la regolare licenza di noleggio con conducente (NCC)? Andrebbe accertato che le compagnie di pullman di linea - che per tale attività percepiscono contributi pubblici - non si dedichino anche alle attività di noleggio con conducente senza gli opportuni adempimenti.

Pratica, questa, che ci risulta accadere, - conclude Giordano - pur non essendo consentita e che quindi penalizza le imprese legalmente autorizzate al noleggio.

Confapi turismo Calabria e Maavi chiedono – a gran voce – urgenti interventi, duri e mirati, da parte delle istituzioni verso tutti gli operatori abusivi del settore dei viaggi che inquinano il buon operato delle imprese legali e corrette. Alla fine, tutto ciò non tutela l’utente finale".

                                                                                   

Giovanni Giordano

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Viaggi d'istruzione, Giordano: "Anche gli operatori abusivi sono stati in pista"

ReggioToday è in caricamento