Adotta il verde, l’associazione Impronte al lavoro per ripulire la villetta del viale Europa

"Con questi atti di riqualificazione viene ridato alla cittadinanza, un centro aggregativo in cui costruire un “cammino” verso una società sempre più consapevole e attenta"

I volontari dopo aver ripulito la villetta

Prosegue l’attività dell’associazione Impronte sul viale Europa. Ieri, domenica 18 ottobre, alla presenza del presidente Ettore Garofalo, del direttivo completo, degli associati e dei privati cittadini del quartiere l'intera mattinata è stata dedicata alla cura e manutenzione del verde pubblico. 

L’associazione è nata nel dicembre 2017 grazie all’iniziativa spontanea di cittadini volontari che già negli scorsi mesi si sono occupati di ridare decoro e dignità, ripulendo tutta l’area e il laghetto artificiale, a un piccolo polmone verde situato nella zona residenziale del viale Europa.

Sin da subito l’attività dei privati cittadini è stata riconosciuta dal Comune di Reggio Calabria, che ha dato il suo patrocinio, nell’ambito dell’iniziativa Adotta il verde, entro la quale Impronte opera. "Questo - spiegano dall'associazione - dimostra che la cittadinanza ha a cuore le sorti della sua città ed è provvista di quel naturale senso etico di chi vive in una società democratica civile e matura.

Tanto è stato fatto analizzando soprattutto i dati sulla percentuale di differenziata in città e considerando da dove si è partiti e tanto c'è ancora da fare per operare una completa inversione di tendenza e un cambiamento di mentalità, come testimoniato dalle segnalazioni dei cittadini in relazione all’abbandono sulle strade dei rifiuti".

Riguardo a questo, Impronte "vuole essere non solo una netta presa di posizione, che ribadisce la necessità di atti concreti di sensibilizzazione della nostra comunità verso il bene comune, ma anche uno spazio di condivisione aperto a tutti, bambini, anziani, proprietari di cani, nel pieno rispetto però delle regole di pulizia e decoro che l’associazione si è posta come finalità". 

"Con questi atti di riqualificazione - ribadisce "Impronte" - viene ridato alla cittadinanza, senza alcuno aggravio di spese per il bilancio dell’amministrazione, alla quale si chiede solo il sostegno tramite l’efficientamento dei servizi pubblici di smaltimento e compostaggio del verde e delle ramaglie, un centro aggregativo in cui costruire un “cammino” verso una società sempre più consapevole e attenta".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Guido Longo verso la Calabria, primo obiettivo: riaprire gli ospedali chiusi

  • Il Tar Calabria boccia la scelta di Spirlì, per i giudici amministrativi si può tornare in classe

  • Lavori sulla linea ferroviaria jonica, operaio muore nei pressi della stazione di Condofuri

  • Reggio e la Calabria in zona arancione da domenica 29 novembre: ecco cosa cambia

  • Ospedali e Covid, l'allarme di Amodeo: "Asp reggina impermeabile a ogni proposta"

  • Maltempo, il vento soffia su Reggio: albero si abbatte nel parcheggio del Cedir

Torna su
ReggioToday è in caricamento