menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Il viale Zerbi

Il viale Zerbi

Partono i lavori del manto stradale del viale Zerbi: l'annuncio dell'assessore Muraca

Cantiere aperto da martedì 2 febbraio. Per l'assessore ai lavori pubblici: "Questa azione di rigenerazione urbana rientra nel completamento del progetto di restyling di un’area ritenuta fondamentale e strategica per la crescita della città"

"A partire da martedì 2 febbraio, cominceranno i lavori di rifacimento del manto stradale del viale Zerbi, l’area d’ingresso al centro città dalla tangenziale nord e che lambisce la storica ed omonima pineta".

L'annuncio arriva dall’assessore comunale ai lavori pubblici, Giovanni Muraca, che scusandosi con i cittadini, a nome dell’amministrazione, per "i temporanei disagi alla viabilità inevitabilmente dovuti al cantiere", ribadisce "l’importanza di un intervento necessario al prolungamento del lungomare Italo Falcomatà".

"Questa ennesima azione di rigenerazione urbana rientra nel completamento del progetto più ampio di restyling di un’area ritenuta fondamentale e strategica per la crescita economica, turistica e culturale del territorio. Da un punto di vista pratico, verrà definitivamente superato il problema delle grosse radici dei pini che fuoriuscivano dalla strada. In questa maniera si otterranno diversi risultati, soprattutto per quanto riguarda la circolazione che sarà più pratica, agevole e sicura. Un problema, insomma, ultradecennale che, finalmente, troverà una giusta soluzione".

"Insomma - ha continuato il delegato alle opere pubbliche della giunta Falcomatà – uno dei cantieri più importanti aperti in questi anni, procede spedito verso la propria ultimazione. Una volta conclusi i lavori, infatti, consegneremo un’opera capace di rinsaldare il rapporto fra il nostro meraviglioso mare e la città, prodromica a nuovi ed importantissimi interventi che rivoluzioneranno il concetto e la natura del lungomare stesso.

La modernizzazione della Pineta Zerbi, non v’è dubbio, è uno dei tasselli decisivi per prolungare il più bel chilometro d’Italia, garantendo una continuità stabile di percorrenza dal Porto fino alla Capannina del Parco Lineare Sud. In questo contesto, si inserisce anche la realizzazione del Museo del Mare dell’archistar Zaha Hadid, una delle magnificenze che contribuiranno ad alzare notevolmente l’interesse vero l’offerta turistica e culturale della nostra città".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ReggioToday è in caricamento