rotate-mobile
Venerdì, 9 Dicembre 2022
La polemica / Villa San Giovanni

Asilo "Genova-Firenze" a rischio, l'opposizione striglia l'amministrazione

Marco Santono ed i consiglieri di minoranza, in una nota congiunta, criticano le scelte del comune e la mancata presenza in consiglio comunale

Opposizione all'attacco a Villa San Giovanni. Marco Santoro e i quattro consiglieri di minoranza:  Filippo Lucisano, Daniele Siclari, Stefania Calderone e Domenico De Marco criticano il comportamento dell’amministrazione comunale che, dopo aver chiesto la convocazione di un consiglio comunale, non si è presentata in aula.

“Quello a cui abbiamo assistito - si legge in una nota - è una delle pagine più tristi incredibili della storia politica villese: la maggioranza ha chiesto al presidente del consiglio la convocazione di un consiglio comunale, indicando i cinque punti all’ordine del giorno. Tra questi il punto 5 “Convenzione numero 10 del 27/02/2019 con l’istituto Maria Ausiliatrice. Determinazione”, è un punto molto importante e delicato per la comunità Villese, in quanto riguarda l’asilo Genova-Firenze che costituisce un luogo di inclusione sociale dove generazioni di Villesi hanno trovato un punto di riferimento sano e sicuro, e dove tutt’oggi le famiglie lasciano i loro figli sapendo di affidarli a personale competente e qualificato”.

Per l’opposizione: “Dato che la trattazione di suddetto punto riguarda la modifica di convenzione che determina l’eliminazione del contributo che il Comune eroga all’istituto Maria Ausiliatrice, ciò potrebbe comportare un potenziale rischio di chiusura della struttura, con grave ricaduta sociale, educativa, culturale della città e delle famiglie Villesi. Ecco perché la sala consiliare ha visto la presenza di numerosi cittadini preoccupati per il destino dell’asilo Genova-Firenze, la stampa numerosa e qualificata per assistere lavori consiliari, tutti i dirigenti di settore e tutti i consiglieri di minoranza. Unici assenti, nel clamore e stupore di tutti i presenti compresa la presidente Trecroci: l’intera maggioranza, la stessa che aveva comunicato i lavori da trattare”.

Il gruppo di opposizione in consiglio comunale, poi, ipotizza “che l’assenza della maggioranza sia dovuta al fatto che non abbiano avuto il coraggio di dichiarare ciò che è messo a verbale della commissione Affari generali, e cioè che i consiglieri di maggioranza, presenti in commissione, hanno votato per eliminare l’articolo due con il quale il Comune eroga i contributi all’istituto Maria Ausiliatrice, nonostante i consiglieri di minoranza, abbiano richiesto una proroga per avere ulteriore tempo a disposizione per cercare di trovare una soluzione che possa salvare l’Istituto dal rischio di una potenziale chiusura. Nonostante tutto ciò, con grande senso di responsabilità la minoranza si è presentata compatta ai lavori del Consiglio, con la consapevolezza di dover dare un contributo per risolvere un problema gravoso per l’intera comunità".

“È un fatto gravissimo - conclude la nota - che la maggioranza non si sia presentata in aula per discutere i punti da loro richiesti, punti importanti e delicati per la cittadinanza tutta, nonostante fossero a conoscenza delle difficoltà inerenti alla convenzione in essere con l’istituto Maria Ausiliatrice già dalla data del 27 luglio 2022 mediante un parere della dirigente del settore Affari generali, e nonostante non abbiano condiviso questa problematica con i consiglieri di minoranza se non soltanto il 23 settembre scorso, venerdì i consiglieri di minoranza saranno presenti in aula per la trattazione dei punti all’ordine del giorno”.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Asilo "Genova-Firenze" a rischio, l'opposizione striglia l'amministrazione

ReggioToday è in caricamento