Mercoledì, 17 Luglio 2024
Cronaca Villa San Giovanni

Villa San Giovanni, Musolino: "Il Ponte diventa uno "spezzatino" per aggirare le criticità del progetto che non c'e"

Il segretario cittadino del Partito democratico interviene sulla grande opera

Continua la battaglia del Pd di Villa San Giovanni e del suo segretario Enzo Musolino contro la realizzazione del Ponte sullo Stretto. Questa volta Musolino evidenzia l'utilizzo del decreto legge per "aggirare le enormi criticità".

"La notizia è che il Ponte sullo Stretto - il progetto più studiato, completo, bello e sicuro del mondo, a detta del ministro Salvini -  rientra, invece, tra le "materie critiche" - scrive in una nota il segretario cittadino del Pd -  oggetto dell'ennesimo "urgente" decreto legge all'esame del Consiglio dei ministri (anche se in questo caso non si tratta di "materie prime").

Si va avanti per "leggine" omnibus, quindi, nel tentativo di aggirare le enormi criticità emerse con provvedimenti in cui c'è dentro di tutto, dai giacimenti minerari al Ponte, appunto".

"Innanzitutto, per quanto riguarda il cantiere sullo Stretto,  - sottolinea Musolino - si elimina il termine del 31 luglio prossimo per l'approvazione del progetto esecutivo - siamo infatti ancora alle prese con le correzioni sostanziali al "progetto definitivo" -  e si decide di fare uno "spezzatino" dell'Opera: il piano potrà essere approvato parte per parte, sulla scorta anche di atti aggiuntivi alla concessione originaria, con l'effetto potenziale di realizzare tanti piccoli o medi "ecomostri" senza che il quadro generale sia definito, senza che si abbiano certezze sulla realizzabilità della grande opera.

Tanti appalti, tanti cantieri, tanti interventi, tante opere slegate, preliminari e complementari; tante "incompiute" all'orizzonte, come l'orrenda intubata di Cannitello, il primo "ecomostro" targato Ponte che è il retaggio berlusconiano sul lungomare di Villa San Giovanni".

La denuncia del segretario del Pd di Villa San Giovanni prosegue evidenziando: "I cantieri non sono ancora aperti e già si lavora, con il decreto in esame, per "aggiornare i prezzi", per conservare l'equilibrio contrattuale con l'appaltatore WeBuild, il consorzio a favore del quale - per esplicita presa di posizione dell'Anac - l'iter messo in campo dal ministro Salvini sta assicurando troppi vantaggi, senza alcun obbligo.

Questo decreto avrà quindi un impatto diretto sul territorio, le opere "per stralci funzionali" comporteranno l'intervento a vario titolo, si spera non come mero spettatore, anche dell'ente comunale villese.

Ente che ha già chiesto senza fortuna al ministero delle infrastrutture di sospendere al momento la conferenza dei servizi in corso mentre, come è evidente, l'accelerazione continua la sua strada come se nulla fosse, come se le comunità non contassero nulla.

Non sarebbe l'ora di una presa di posizione politica - conclude Musolino - di tutto il Consiglio comunale contro questa "fretta" ingiustificata? Cosa si attende ancora? La "prima pietra" posta nottetempo?".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Villa San Giovanni, Musolino: "Il Ponte diventa uno "spezzatino" per aggirare le criticità del progetto che non c'e"
ReggioToday è in caricamento