menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
I Carabinieri di Villa sequestrano la discarica

I Carabinieri di Villa sequestrano la discarica

Sorpresi a scaricare rifiuti, quattro denunce dei Carabinieri che sequestrano l'area

Posti i sigilli a 200 metri quadrati di terreno di un'area privata destinata a casa, sversati: batterie, rottami di autoveicoli, barattoli di vernice, grondaie, materiali ferrosi, bitume, materiali edili da risulta, materiale plastico e calcinacci

I carabinieri scoprono una discarica abusiva e denunciano quattro persone sorprese a sverzare rifiuti per gestione illecita e abbandono di rifiuti, sequestra anche un’area di circa 200 metri quadrati.

Questi i fatti. Nella giornata di ieri, nell’ambito di numerosi servizi di controllo del territorio e di prevenzione dei reati in danno dell’ambiente, con particolare attenzione alla vigilanza delle aree dell’agro e della periferia - predisposti dal comando provinciale dei Carabinieri di Reggio Calabria, guidati dal colonnello Marco Guerrieri, i carabinieri della sezione Radiomobile della Compagnia di Villa San Giovanni e della locale stazione, hanno denunciato 4 persone per gestione illecita e abbandono di rifiuti  in concorso.

In particolare, i militari dell’Arma in collaborazione con i carabinieri della stazione Forestale di San Roberto, hanno sorpreso i responsabili all’interno di un’area privata adibita a cava, mentre  erano intenti a sversare rifiuti speciali pericolosi (batterie, rottami di autoveicoli, barattoli di vernice, grondaie, materiali ferrosi, bitume, materiali edili da risulta, materiale plastico e calcinacci) precedentemente riposti e trasportati con un autocarro di loro proprietà.

A seguito di ulteriori e più approfonditi accertamenti di Polizia giudiziaria l’area interessata  per circa 200 metri quadrati e l’autocarro sono stati sequestrati in attesa delle successive determinazioni dell’autorità giudiziaria.

Le indagini ancora in corso, continueranno al fine di verificare la provenienza dei rifiuti e l’eventuale complicità di altre persone. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Nasce la "Fede Reggina", gioiello ispirato al lungomare Falcomatà

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ReggioToday è in caricamento