rotate-mobile
La collaborazione

Violenza sulle donne, parte "Vivere senza violenza" il progetto per contrastare il fenomeno

Città metropolitana e Centro d’ascolto Ariel insieme per migliorare i servizi a supporto delle vittime e dei loro figli minori a carico

Per la prima volta insieme, la Città metropolitana di Reggio Calabria e il Centro d’ascolto Ariel, collaborano per contrastare il fenomeno della violenza di genere sulle donne e migliorare i servizi di supporto delle vittime ed i loro figli minori a carico. 

“Vivere senza violenza”, progetto finanziato dalla Città metropolitana a valere sull’Avviso pubblico n°499- anno 2023, mira infatti ad attuare azioni di contrasto alla violenza di genere in tutte le sue forme, nonché a rafforzare la rete di servizi territoriali per sostenere ed accogliere le vittime. 

L’iniziativa prevede l’avvio di un corso di formazione per assistenti sociali, accreditato dall’ordine di Reggio Calabria, al fine di sviluppare e approfondire la capacità delle partecipanti rispetto al riconoscimento e al trattamento della violenza di genere. 

Per contrastare le varie difficoltà che una vittima incontra nell’inserirsi o reinserirsi nel mercato del lavoro, il Centro offrirà dei percorsi, sia individuali sia di gruppo, orientati alla ricerca di un’occupazione. 

L’obiettivo è di accelerare l’acquisizione di strumenti di orientamento da parte delle donne e potenziare le loro risorse per favorirne l’empowerment. 

Il Centro coinvolgerà anche un istituto scolastico del territorio metropolitano, per sensibilizzare i giovani attraverso l’organizzazione di un focus sull’alfabetizzazione emotiva, la de-strutturazione degli stereotipi di genere e l’attivazione di letture critiche del fenomeno della violenza. 

La sfida di questo progetto strutturato e complesso, proposto dal Centro d’ascolto Ariel e sostenuto con entusiasmo dalla Città metropolitana, è di promuovere un cambiamento culturale in termini di parità di genere e tutela dei diritti, coinvolgendo gli enti e le realtà locali per riaffermare la dignità, la libertà e l’indipendenza della donna vittima e dei suoi figli. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Violenza sulle donne, parte "Vivere senza violenza" il progetto per contrastare il fenomeno

ReggioToday è in caricamento