rotate-mobile
Cronaca

Violenzo, il rispetto dei diritti delle donne passa anche dall’uso corretto del linguaggio

Il messaggio della Cgil calabrese e della Filcams per il 25 novembre

Chiamare le cose con il loro nome, una fatica spesso per le donne e le lavoratrici, per le quali perfino l’uso corrente dell’italiano rappresenta un ostacolo o una conquista ancora da raggiungere. 

Continuamente bisogna intervenire per evidenziare, correggere, imporre il linguaggio per definire carriere e professionalità che negli anni sono state declinate sempre al maschile. 

Per ribaltare questo uso molto frequente nella nostra società ed affermare con forza i diritti delle donne, per il 25 novembre, CGIL Calabria e Filcams lanciano una campagna dal titolo: violenzo

Violenzo, perché la violenza sulle donne è appannaggio di un genere preciso, quello maschile; ed è a quel genere di persone che non rispettano le donne, i loro diritti e la loro dignità, che offendono, calpestano, insultano e colpiscono dentro le mura domestiche o sul lavoro che la campagna della Cgil Calabrese si rivolge. 

Bisogna dare peso alle parole, perché anch’esse possono diventare armi e strumenti di violenza, specie sui social media, e sensibilizzare al rispetto umano e sulla ricchezza delle differenze di genere.

In occcasione della giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne saranno pubblicati nei canali social dell’organizzazione e saranno distribuiti nei luoghi di lavoro e nelle bacheche sindacali i manifesti e le locandine.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Violenzo, il rispetto dei diritti delle donne passa anche dall’uso corretto del linguaggio

ReggioToday è in caricamento