rotate-mobile
Lotta alla criminalità

Controlli nella zona Sud, ai domiciliari ma vengono pizzicati fuori casa: due arresti

I due uomini sono stati sorpresi dai poliziotti delle Volanti

Due uomini, entrambi sorpresi fuori dalle proprie case, nonostante fossero sottoposti agli arresti domiciliari, sono stati arrestati dal personale dell'Ufficio prevenzione generale e soccorso pubblico della polizia.

Un 43enne reggino, ai domiciliari per reati in materia di stupefacenti, è stato fermato mentre viaggiava a bordo di un’autovettura, condotta da un uomo di 52 anni di Reggio Calabria con precedenti di polizia. Quest’ultimo, alla vista della Volante della questura ha tentato di sottrarsi al controllo accelerando la marcia dell’auto ma è stato prontamente raggiunto e fermato dagli agenti.

Il personale ha eseguito anche una perquisizione, trovando all’interno di una tasca dell’autovettura due coltelli a serramanico. Il primo è stato quindi arrestato per il reato di evasione dagli arresti domiciliari, il secondo, denunciato per porto di armi o oggetti atti a offendere.

Il secondo arresto si è registrato dopo un controllo effettuato dagli agenti della Volante a un 20enne reggino. Il giovane, ai domiciliari per tentato furto aggravato, non è stato trovato nella sua abitazione. Dai primi accertamenti è emerso che la sua assenza era del tutto ingiustificata. Sono così scattate le attività di ricerca che hanno consentito di rintracciarlo presso il Grande ospedale metropolitano dove si era recato, "a suo dire, per problemi di salute".

La completa violazione degli obblighi a cui il 20enne è sottoposto ha consentito ai poliziotti di arrestarlo in flagranza di reato di evasione dagli arresti domiciliari. L’autorità giudiziaria, ha convalidato i due arresti eseguiti dai poliziotti della Volante disponendo per entrambi la ricollocazione ai domiciliari.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Controlli nella zona Sud, ai domiciliari ma vengono pizzicati fuori casa: due arresti

ReggioToday è in caricamento