rotate-mobile
Che bontà / Marina di Gioiosa Ionica

"Spaghetti alla Corte d'Assise", storia e ricetta del tipico piatto reggino

Pietanza nata negli anni '50 a Marina di Gioiosa Jonica, grazie ad uno chef locale, e diffusasi in tutta la regione. Ecco come preparare il pasto

MARINA DI GIOIOSA JONICA - Gli Spaghetti alla Corte d'Assise sono uno dei piatti più noti di tutta la Calabria. Non tutti sanno, però, che la loro provenienza è associata proprio la provincia reggina. 

La storia

La pietanza è nata negli anni Cinquanta per merito di uno chef dal nome Gaetano, che lavorava presso l'allora ristorante Hotel "Da Rocco", collocato nel Comune di Marina di Gioiosa Jonica. 

Secondo quanto tramandato dalla tradizione, la ricetta venne creata in seguito ad un pranzo svolto da un giudice ed i suoi collaboratori presso il sopracitato ristorante. Arrivando nella struttura gastronomica, dopo un'udienza in tribunale, il gruppo chiese al cuoco di preparare una pietanza tipica locale. 

Lo chef Gaetano, dunque, servì loro un piatto con un sugo piccante senza nome poiché si trattava di una creazione del momento. Fu lo stesso giudice ad attribuire il nome Spaghetti alla Corte d’Assise, che da quel momento è presente in molti menù calabresi. 

Di seguito viene proposta la ricetta per la preparazione di quattro porzioni. 

Ingredienti

- 350 grammi di spaghetti N°5 

- 350 grammi di polpa di pomodoro 

- prezzemolo (fresco)

- 8 cucchiai di olio extravergine d’oliva

- Sale Q.B.

- Due peperoncini piccanti, che devono essere esclusivamente calabresi

- 3 cucchiai di formaggio grana grattugiato

- 3 cucchiai di pecorino grattugiato

- 5 spicchi di aglio 

Preparazione

Si inizia facendo soffriggere i peperoncini sminuzzati e gli spicchi d'aglio (interi) nell'olio extravergine d'oliva. Far trascorrere qualche minuto e - poi - togliere l'aglio. 

Dunque, si prosegue versando la polpa di pomodoro e aggiungendo - di seguito - gli spaghetti. Tutto dovrà cuocere insieme al sugo. A questo punto, unire il sale ed un po' di prezzemolo . 

Terminata la cottura, la pietanza sarà pronta per essere servita e gustata. 

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Spaghetti alla Corte d'Assise", storia e ricetta del tipico piatto reggino

ReggioToday è in caricamento