rotate-mobile
Giovedì, 18 Agosto 2022
Economia

Gruppo Airone Seafood: attenzione, cura e sostenibilità

Capacità imprenditoriale e rispetto del territorio fanno del Gruppo Airone una solida realtà nel settore delle conserve ittiche

L’importanza del territorio è tale da parlare di un vero e proprio genoma italo-africano. L’azienda, infatti, ha sede a Reggio Emilia, ma dal 1994 è presente anche in Costa D’Avorio. Per integrare le due culture ha sviluppato un programma su misura attuato a tutti i livelli industriali. 

Airone, come gruppo, conta 2000 dipendenti, il cui 70% sono donne, ed espone un turn over consolidato di gruppo pari a 100 mln di euro, numeri questi destinati a crescere.  
Nel mirino dell’azienda nuovi e importanti investimenti per consegnare al futuro un gruppo che non si accontenta, ma rilancia la sfida. L’Amministratore Delegato di Airone Seafood, Sergio Tommasini: “Vogliamo duplicare la nostra capacità di lavoro. Per poterlo fare stiamo progettando una delocalizzazione produttiva in Costa d'Avorio per duplicare la nostra capacità di lavoro. Se oggi lavoriamo 100 tonnellate di tonno al giorno ne trasformeremo il doppio. Se gestiamo circa 2000 persone arriveremo ad una squadra di 4000 unità. Avremo modo di apportare un'innovazione tecnologica che gli attuali spazi produttivi non ci permettono di fare adesso. I nuovi sistemi di certificazione della nostra filiera produttiva sono esigenti ed il mercato è sempre più competitivo. Abbiamo gli strumenti e le capacità umane per dare una risposta pronta al mercato e aumentare la nostra sfera di azione”.

La tecnologia e le risorse umane sono alla base delle scelte del Gruppo Airone per una sostenibilità che negli anni è diventata un dato di fatto e che ha dimostrato essere l’arma vincente non solo per garantire un futuro all’azienda e ai suoi dipendenti, ma anche per creare un’unica squadra vincente. Un genoma italo-africano che negli anni si è integrato e amalgamato grazie anche a scelte rivelatesi determinanti. 

“Il Gruppo Airone ha sviluppato un programma su misura che viene integrato a tutti i livelli aziendali, due culture differenti che devono mescolarsi al fine di ottenere un'unica squadra che lavora per il medesimo obiettivo. Airone è la prima azienda italiana a capitale privato in Costa D’Avorio”. Tommasini continua: “Dobbiamo essere noi, in primis, a garantire e ricercare una pesca sostenibile, ossia la garanzia della disponibilità e qualità delle risorse naturali. Dobbiamo offrire ai lavoratori qualità di vita, sicurezza e servizi che rispettino standard elevati, dobbiamo sempre e comunque conseguire l'efficienza economica e reddituale”. Un processo di alchimie sociali, territoriali, culturali, senza mai perdere per strada il fattore produttività. “Operiamo nel settore delle conserve ittiche. Lavoriamo in una filiera integrata da monte a valle. Il pesce intero, pescato in modo certificato e sostenibile, entra in stabilimento, viene trasformato in prodotto finito e destinato prevalentemente all'esportazione in Europa. I residui e gli scarti di lavorazione invece sono valorizzati come farina di pesce”. 

Il claim aziendale we take care esemplifica bene la dedizione verso il prodotto commerciale e verso coloro che permettono di ottenere questi risultati: “I nostri dipendenti hanno una serie di benefici a supporto della crescita personale e delle loro famiglie. Un esempio è il contributo per la scolarizzazione. Lo sviluppo di uno Stato è basato sull'alfabetizzazione e la scolarizzazione delle nuove generazioni. Il supporto concreto su base annuale alla scolarizzazione dei figli dei nostri dipendenti è un segnale importante di vicinanza alla popolazione ivoriana che ci ospita come azienda dal 1994. Un altro esempio è la formazione. Abbiamo un programma formativo a diversi livelli, dagli operai al management con la continua ricerca della rotazione lavorativa per garantire il passaggio generazionale. La vita media in Costa d'Avorio, infatti, è pari a 50 anni e alcuni paradigmi sociali devono adattarsi al luogo in cui lavori”. 
Gli operatori in Costa d'Avorio seguono la filiera di trasformazione mentre in Italia si gestisce la commercializzazione e la logistica.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Gruppo Airone Seafood: attenzione, cura e sostenibilità

ReggioToday è in caricamento