Sciopero Alitalia, all'Aeroporto dello Stretto stop ai voli per 24 ore: le info per evitare i disagi

Mercoledì 9 ottobre sarà una giornata nera per il trasporto aereo. Piloti e assistenti incrociano le braccia nella protesta nazionale indetta dai sindacati

Giornata nera quella di mercoledì 9 ottobre per chi dovrà spostarsi in aereo. Ci saranno disagi anche anche all'aeroporto dello Stretto, in vista dello sciopero di 24 ore indetto dai sindacati. Anpac, Anpav e Anp confermano lo stop con la protesta dei piloti e degli assistenti di volo di Alitalia.

La compagnia di bandiera ha già comunicato di aver annullato numerosi voli previsti per nercoledì, sia nazionali che internazionali, tra cui anche alcuni collegamenti nella serata di martedì 8 ottobre e nella prima mattinata di giovedì 10 ottobre e ha già fornito la lista dei voli cancellati, disponibile a questo link.

Per limitare i disagi dei passeggeri, Alitalia ha attivato un piano straordinario che prevede l’impiego di aerei più capienti sulle rotte domestiche e internazionali, con l’obiettivo di riprenotare i viaggiatori coinvolti nelle cancellazioni sui primi voli disponibili in giornata. Si prevede che il 70% dei passeggeri riesca a viaggiare nella stessa giornata del 9 ottobre.

Cosa fare prima di andare in aeroporto

Tuttavia tutte le persone che hanno acquistato una prenotazione per mercoledì 9 ottobre, e anche nella serata dell’8 e nella prima mattina del 10 ottobre, sono invitati a verificare lo stato del proprio volo prima di andare in aeroporto. Per farlo basta andare sul sito di Alitalia, chiamare il numero verde 800.65.00.55 (dall’Italia) o il numero +39.06.65649 (dall’estero), o chiedere informazioni all'agenzia di viaggi con cui è stata effettuata la prenotazione. 

In caso di cancellazione o di modifica dell’orario del proprio volo i passeggeri potranno cambiare la prenotazione, senza alcuna penale o chiedere il rimborso del biglietto (solo nel caso in cui il volo sia stato cancellato o abbia subìto un ritardo superiore alle 5 ore) fino al 24 ottobre.

I motivi dello sciopero

Le sigle Anpac, Anpav e Anp, riunite nella Federazione nazionale del trasporto aereo, hanno inviato una lettera al ministro dello Sviluppo economico Stefano Patuanelli per esprimere "preoccupazione in merito alle gravi difficoltà emerse nelle ultime ore". 

"Gli ultimi sviluppi - ribadisce la Fnta - legati all'eventuale definizione della cordata sembrano allontanare la possibilità di chiudere positivamente la trattativa in corso tra Fs, Mef, Atlantia e Delta sul piano di risanamento e rilancio di Alitalia".

"E' urgente che la nuova Alitalia nasca con un piano industriale forte e credibile, capace di rilanciarla definitivamente sul mercato e che la porti in tempi rapidissimi a svolgere il ruolo atteso di compagnia di bandiera al servizio del Paese generando finalmente utili e benessere per i propri dipendenti provati da anni di crisi". Inoltre conclude la Fnta: "E' necessario che la nuova Alitalia abbia manager competenti ed adeguati a gestire le complessità proprie di una compagnia aerea", auspicando che "tale cambio avvenga in tempi celeri prima che la crisi finanziaria e l'attuale incapacità manageriale, rendano la situazione irreversibile".

"E' urgente che la nuova Alitalia nasca con un piano industriale forte e credibile, capace di rilanciarla definitivamente sul mercato e che la porti in tempi rapidissimi a svolgere il ruolo atteso di compagnia di bandiera al servizio del Paese generando finalmente utili e benessere per i propri dipendenti provati da anni di crisi".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"E' necessario che la nuova Alitalia abbia manager competenti ed adeguati a gestire le complessità proprie di una compagnia aerea", dice ancora Fnta auspicando che "tale cambio avvenga in tempi celeri prima che la crisi finanziaria e l'attuale incapacità manageriale, rendano la situazione irreversibile".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Dopo Italo sui binari di Reggio arriva anche il Frecciarossa: il plauso del presidente Santelli

  • Turismo e alta velocità in Calabria, Italo arriva Reggio: ecco gli orari dal 14 giugno

  • Incidente nel veronese, perde la vita giovane di Rosarno: in gravi condizioni una 20enne

  • Riemergono da acque Stretto i fasti di Reggio, trovata ancora a 154 metri di profondità

  • Covid tra contagi e polemiche social, il sindaco Suraci rassicura e passa all'attacco

  • Studiato dai medici del Gom un tassello importante nella lotta contro il Coronavirus

Torna su
ReggioToday è in caricamento