Le Costituzioni inattuate a cento anni dalla Carta del Carnaro

 “Le Costituzioni inattuate nel rapporto con la nostra Costituzione del 1948" al centro dell'incontro tenutosi a Spazio open e  promosso dall’Associazione Culturale Anassilaos. Evento organizzato in occasione del Centenario della Carta del Carnaro, promulgata l'8 settembre del 1920 a Fiume durante gli ultimi mesi dell'impresa fiumana. Ad intervenire sul tema il professor  Antonino Romeo la cui conversazione è disponibile da giovedì 8 ottobre sulla pagina  facebook di Anassilaos e su You Tube.

"La nostra Costituzione del 1948, quella francese del 1946 e la Grundgesetz, la "Legge fondamentale" tedesca del 1949, nacquero – ha affermato il relatore - tutte dalla volontà di voltare pagina rispetto al totalitarismo che aveva reso possibili gli orrori della Seconda Guerra mondiale. In questo senso ha detto bene Piero Calamandrei che il fondamento della nostra Carta va ricercato nell'antifascismo, inteso come mondo valoriale opposto a quello totalitario e rivolto, invece, a valorizzare e tutelare i diritti della persona prima che quelli dello Stato ed a collocare lo Stato stesso in una rete di rapporti con le organizzazioni sovranazionali, per limitarne gli obiettivi di onnipotenza. Pur partendo da questo dato di fondo, però, è anche vero che nella Carta del 1948 è possibile ravvisare tracce di quelle "Costituzioni inattuate", emanate cioè in articulo mortis da regimi politici prossimi all'estinzione, ma desiderosi di lasciare un segno della loro progettualità politica. Già la Costituzione della Repubblica partenopea del 1799 affermava che gli eletti rappresentavano la Nazione e che non avevano vincoli di mandato; riconosceva l'autonomia del potere giudiziario, stabiliva che nessuno poteva essere sottratto al suo giudice naturale, escludeva la censura sulla stampa e sanciva l'inviolabilità del domicilio. Ancora più evidente è il rapporto con la nostra Carta della Costituzione della Repubblica romana del 1849, dove si afferma che la sovranità appartiene al popolo e che il popolo di Roma è organizzato in Repubblica democratica. Si esclude la pena di morte o provvedimenti di confisca, si riconosce libertà di culto, si tutela ogni forma di libertà personale e si attribuisce alla Repubblica il compito di promuovere il miglioramento delle condizioni morali e materiali di tutti i cittadini. Di particolare interesse poi è la Carta del Carnaro, presentata da D'Annunzio a Fiume nel settembre 1920, perché stabilisce l'assoluta uguaglianza di tutti i cittadini, "senza distinzione di sesso, di razza, di lingua, di classe e di religione"; attribuisce alle donne il diritto di voto, le equipara agli uomini per il servizio militare, riconosce l'autonomia dei Comuni, legittima la proprietà, ma ne riconosce la funzione sociale e pone ad essa dei limiti. Anche la Repubblica Sociale Italiana cercò, senza riuscirvi, di darsi una Costituzione, ma nel progetto redatto da Carlo Alberto Biggini si trova un sorprendente articolo 7 che anticipa quasi alla lettera il corrispondente articolo della nostra Costituzione sulla regolamentazione dei rapporti con la Santa Sede. E' interessante notare come l'articolo 39 della nostra Carta, quello sui sindacati e sulla contrattazione collettiva, e l'articolo 99 sull'istituzione del Consiglio Nazionale dell'Economia e del Lavoro, il CNEL, trovino il loro fondamento nella precedente normativa corporativista del fascismo. Tutto questo per dire che, sia pure in un quadro di grande e decisiva novità, nella nuova Italia libera e repubblicana si sviluppavano filoni e concetti che venivano da altre esperienze, perché l'identità di un popolo è data sì dalla sua storia, ma questa va considerata nella sua interezza, senza preclusioni e cesure: sono molteplici i fili di un arazzo, non tutti hanno la stessa consistenza e la stessa visibilità, ma tutti concorrono insieme a realizzare l'immagine complessiva".

Attendere un istante: stiamo caricando la mappa del posto...

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Incontri, potrebbe interessarti

  • Mieloma: miglioramento della qualità della vita dei pazienti, ricerca, prevenzione e cure

    • Gratis
    • dal 23 al 26 ottobre 2020
    • Evento online
  • “La tutela dei diritti umani", webinar contro sfruttamento sessuale e accattonaggio

    • solo oggi
    • 23 ottobre 2020
    • Incontri online
  • Gomalan Brass Quintet, nuove date masterclass

    • dal 2 al 6 novembre 2020

I più visti

  • Mieloma: miglioramento della qualità della vita dei pazienti, ricerca, prevenzione e cure

    • Gratis
    • dal 23 al 26 ottobre 2020
    • Evento online
  • “Leonardo-Le macchine del Genio”, mostra interattiva al Castello di Roccella

    • dal 27 giugno al 15 novembre 2020
    • Castello dei Principi Carafa della Spina
  • “Connubio tra Cielo e Terra", mostra al castello Aragonese

    • dal 18 settembre al 25 ottobre 2020
    • Castello Aragonese
  • "Insieme per Mino", a Fiumara uno spettacolo dedicato all’indimenticabile artista

    • solo oggi
    • 23 ottobre 2020
    • Struttura polifunzionale comunale
  • Potrebbe interessarti

    Torna su
    Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
    Play
    Replay
    Play Replay Pausa
    Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
    Indietro di 10 secondi
    Avanti di 10 secondi
    Spot
    Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
    Skip
    Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
    Attendi solo un istante...
    Forse potrebbe interessarti...
    ReggioToday è in caricamento