rotate-mobile
Famiglia

Assegno di inclusione, tutto sul sussidio economico e a chi rivolgersi a Reggio Calabria

Ecco cosa fare per ottenere un’attestazione della condizione di svantaggio

E' uno strumento teso a contrastare povertà, fragilità ed esclusione sociale. Stiamo parlando dell'Assegno di inclusione Adi, una misura nazionale attiva da gennaio 2024 che rappresenta un sussidio economico e di inclusione sociale e professionale per determinate categorie. Vediamo nel dettaglio di cosa si tratta 

Quali sono i requisiti per ottenerlo?

"L’ADI è riconosciuto - si legge nel portale Inps-a richiesta di uno dei componenti del nucleo familiare, a garanzia delle necessità di inclusione dei nuclei familiari con componenti con disabilità, come definita ai sensi del regolamento di cui al decreto del Presidente del Consiglio dei ministri 5 dicembre 2013, n. 159, nonché dei componenti minorenni o con almeno sessant'anni di età, ovvero dei componenti in condizione di svantaggio e inseriti in programmi di cura e assistenza dei servizi socio-sanitari territoriali certificati dalla pubblica amministrazione".

Prassi per Assegno di inclusione Reggio Calabria 

Come comunicato dal settore welfare di Palazzo San Giorgio: "Tutti gli aventi diritto e beneficiari dell'Assegno di Inclusione (ADI) che la condizione di svantaggio e l’inserimento in un programma di cura e assistenza dei servizi sociosanitari territoriali, richiesta tra i requisiti per l’accesso alla misura di sostegno economico, deve essere certificata dagli enti competenti in funzione della tipologia di presa in carico sociale o sociosanitaria".

La presa in carico  dunque deve essere precedente alla presentazione della domanda di Assegno di Inclusione, dunque  la valutazione dei bisogni della persona e del suo nucleo famigliare e l’accertamento della condizione di svantaggio sono propedeutici al riconoscimento del beneficio economico.

I nuclei familiari che necessitano di un’attestazione della condizione di svantaggio, per quanto di competenza del servizio sociale professionale, dovranno rivolgersi ai poli sociali territoriali di Reggio Calabria, prenotando telefonicamente un colloquio con le assistenti sociali.

Ecco i recapiti di riferimento:

  • Polo sociale territoriale 1 (Santa Caterina, S. Brunello, Vito, Archi, Gallico e Catona): 0965-3625005
  • Polo sociale territoriale 2 (Tremulini, Condera, Centro Storico, Cannavò): 0965-812247
  • Polo sociale territoriale 3 (Modena, Gebbione, Sbarre, Mosorrofa): 0965-3625003
  • Polo sociale territoriale 4 (Ravagnese, Pellaro, Gallina): 0965-3624665
Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Assegno di inclusione, tutto sul sussidio economico e a chi rivolgersi a Reggio Calabria

ReggioToday è in caricamento