rotate-mobile
Domenica, 23 Giugno 2024
L'invito

Limitazioni aeroporto, Battaglia: "Alibi per penalizzare il Tito Minniti"

L'assessore comunale interviene sulla vicenda dell'annullamento temporaneo delle limitazioni tecniche che da sempre bloccano lo sviluppo dello scalo reggino. L'invito alla politica nazionale per il rilancio dello scalo

"La chiusura dell'Aeroporto di Catania e l'annullamento temporaneo delle limitazioni sull'aeroporto dello Stretto sono circostanze che lasciano intuire come le questioni tecniche siano state, per lungo tempo, semplicemente un alibi per penalizzare il Tito Minniti, e che in realtà il rilancio del nostro scalo sia esclusivamente un fatto di volontà politica".

Così in una nota, Domenico Battaglia, assessore ai trasporti del Comune di Reggio Calabria, commenta la notizia diffusa da organi di stampa e successivamente confermata da Sacal dell'abbattimento temporaneo delle limitazioni tecniche per l'aeroporto dello Stretto Tito Minniti di Reggio Calabria, quale scalo sostitutivo durante il periodo di chiusura causa incendio dell'Aeroporto di Catania.

"Risultano oggettivamente incomprensibili oggi le affermazioni pubbliche di alcuni esponenti della maggioranza di Governo nazionale che, chiamando in causa il ministro delle infrastrutture e della mobilità sostenibili Matteo Salvini, affermano di volersi attivare adesso per l'abbattimento delle limitazioni tecniche.

Una presa di posizione che oggi, anche alla luce della temporanea sospensione tecnica operata d'ufficio con un semplice colpo di penna, ha davvero dell'incredibile. Ci domandiamo dove sono stati fino ad oggi questi rappresentanti istituzionali che dovrebbero perorare le istanze del nostro territorio, promuovendo la causa del rilancio dell'aeroporto con il MInistro loro collega di partito e di maggioranza, ed invece dimostrano di cadere dal pero, con un incredibile atteggiamento di totale estraneità ai fatti".

"Sarà lecito chiedersi per tutti i reggini di cosa si sono occupati fino a ieri questi autorevoli esponenti della maggioranza di governo che scoprono solo oggi, tolta la foglia di fico delle limitazioni tecniche, la volontà politica di affossare il Tito Minniti.

Da rappresentanti della maggioranza alla guida della Regione, principale azionista di Sacal, e del governo nazionale, ancor più con un ipotetico filo diretto, dovuto all'appartenenza di partito, con chi muove dal Ministero delle Infrastrutture e dei trasporti muove le leve della mobilità aeroportuale in tutta Italia, ci attendiamo che questi signori offrano alla città delle soluzioni, possibilmente definitive, non limitandosi ad evidenziare e ad illustrare i problemi che ci sono e che tutti già conoscono. Ci aspettiamo che comunichino ai reggini quando avranno ottenuto un risultato, non quando si accorgono dei problemi e affermano (chissà come!) di volersi attivare per risolverli".

"Da parte nostra rimaniamo a disposizione di questo percorso, nella speranza che si assuma la piena consapevolezza che solo remando insieme, tutti dalla stessa parte, istituzioni territoriali, rappresentanze parlamentari e politiche, si possa fare davvero qualcosa di buono per il nostro territorio.

L'invito quindi è quello a fare fronte comune, anche alla luce delle novità normative introdotte dal governo, legate alla vicenda del ponte sullo Stretto, che prevedono la stesura di un piano integrato dei trasporti, pubblici e privati, nell’area dello Stretto, in deroga ai piani regionali. Un'occasione che dobbiamo essere in grado di far valere anche nell'ottica di una nuova centralità acquisita dal nostro aeroporto".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Limitazioni aeroporto, Battaglia: "Alibi per penalizzare il Tito Minniti"

ReggioToday è in caricamento