rotate-mobile
Il dibattito

Autonomia differenziata, l'opposizione chiede un consiglio regionale straordinario

Dieci consiglieri firmano la richiesta e chiedono a Mancuso di provvedere con urgenza: "E' una richiesta che parte da lontano ma che fino a ora è stata sempre negata"

"Vediamo se ancora una volta ci dicono di no. Insieme ai Consiglieri regionali Ernesto Francesco Alecci, Francesco Afflitto, Domenico Bevacqua, Francesco Antonio Iacucci, Antonio Maria Lo Schiavo, Raffaele Mammoliti, Giovanni Muraca, Antonello Talerico e Davide Tavernise abbiamo inviato una lettera al presidente del Consiglio regionale, Filippo Mancuso, ai sensi dell’articolo 37 del Regolamento, comma 3, chiedendo la convocazione straordinaria del consiglio per discutere di autonomia differenziata". Così in una nota firmata da Amalia Bruni (gruppo misto) e da altri nove consiglieri regionale della Calabria appartenenti, oltre che al misto, al gruppo del Partito democratico e del Movimento 5 Stelle.

"La nostra - evidenziano - è una richiesta che parte da lontano ma che fino a ora è stata sempre negata, ci è stato sempre detto di no alla discussione in aula sul questo tema. In tutta Italia da mesi si è aperto un dibattito su un tema così delicato non solo per la Calabria ma per tutto il Paese. Comuni, associazioni, imprenditori, anche la Chiesa, vi hanno preso parte attivamente esponendo ognuno il proprio punta di vista, solo qui è stato posto il divieto".

"Mentre il presidente Occhiuto ha potuto esprimere il suo voto favorevole per la legge Calderoli nella Conferenza delle Regioni - concludono - viene impedita la discussione nella massima Assise calabrese. In tutta Italia si parla del futuro della Sanità, dell’Istruzione, delle Infrastrutture, dei Trasporti, solo a noi non è concesso esprimerci. Ora dieci Consiglieri regionali chiedono ufficialmente di potersi confrontarsi sull’autonomia differenziata. Che cos’altro dovranno inventarsi per impedire ancora una volta un dibattito sul nostro futuro?".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Autonomia differenziata, l'opposizione chiede un consiglio regionale straordinario

ReggioToday è in caricamento