rotate-mobile
Domenica, 23 Giugno 2024
Il caso / Bagaladi

Bando "lampo" a Bagaladi, Neri e Minicuci annunciano interrogazione di Minasi

I consiglieri metropolitani chiedono chiarezza sull'avviso per la selezione di 5 esperti per l'area grecanica, che ha suscitato polemiche

Un'interrogazione parlamentare depositata dalla senatrice Tilde Minasi chiederà di fare luce sul bando pubblico indetto dal Comune di Bagaladi con un termine brevissimo per la presentazione delle domande. Lo annunciano i consiglieri metropolitani di Reggio Calabria, Armando Neri e Antonino Minicuci (Lega), sollevando alcune questioni sull'avviso “istantaneo”.

"Sarebbe interessante sapere - si legge in una nota congiunta dei consiglieri - quante domande di partecipazione sono pervenute per l’avviso indetto dal Comune di Bagaladi guidato dal sindaco Monorchio e pubblicato il 12 marzo scorso alle 17 sul portale inPA, per il quale è stato concesso un termine di presentazione delle domande di circa 48 ore, con scadenza fissata il 14 marzo alle ore 20. Eppure si trattava di un avviso importante, che avrebbe meritato termini ben più ampi di consultazione e pubblicità, per la selezione di 5 esperti ai fini del conferimento di incarichi di lavoro autonomo, per lo svolgimento di attività di supporto ai Comuni di Bagaladi, Bova, Cardeto, Ferruzzano, Montebello Ionico, Roccaforte del Greco, Roghudi, San Lorenzo, Staiti, per la realizzazione della Strategia di Area Grecanica, finanziata nell’ambito della Strategia Nazionale per le Aree Interne".

Un bando, indetto dal Comune di Bagaladi nella qualità di ente capofila della Strategia di Area Grecanica con risorse importanti. Si tratta, infatti, di incarichi da 24 o 30 mesi, con retribuzioni che arrivano anche fino a 60.000 euro. "Come mai - si chiedono Neri e Minicuci - per un avviso così importante, riferito peraltro ad una programmazione strategica per il futuro dell’area grecanica, si sono lasciate appena 48 ore di tempo per la presentazione delle domande? La legge e, in particolare, il dpr 16 giugno 2023, n. 82 - ricordano - prevede che i bandi di concorso devono contenere un termine di presentazione della domanda non inferiore a 10 e non superiore a 30 giorni dalla pubblicazione del bando sul portale inPA, quindi termini ben più ampi delle 48 ore concesse dal Comune di Bagaladi guidato dal sindaco Monorchio”.

I consiglieri metropolitani ringraziano la senatrice Tilde Minasi, "sempre attenta al territorio, che appena informata di questa circostanza ha provveduto tempestivamente a depositare un’interrogazione parlamentare dettagliata, nella quale si chiede di sapere se il ministro competente sia informato delle modalità di svolgimento della procedura di selezione, se la medesima sia conforme alle legge vigenti e quali iniziative intenda adottare al fine di assicurare che le procedure di concorso per l’accesso agli impieghi presso le pubbliche amministrazioni avvengano nel pieno rispetto delle norme in vigore".

L'interrogazione, sottolineano Neri e Minicuci farà luce sul bando pubblicato dal Comune di Bagaladi: "Come Lega riteniamo - dichiarano - di affermare con forza il principio di democraticità nel governo della Strategia di Area Grecanica, anche in ragione delle severe rimostranze che, sul piano politico ed amministrativo, ben 6 sindaci degli altri comuni coinvolti hanno messo nero su bianco nei confronti del sindaco di Bagaladi, stigmatizzando il mancato coinvolgimento e l’assenza di confronto con gli amministratori dell’area in merito alle procedure da adottare, tanto da indurre il Comune di Bagaladi a sospendere un precedente avviso per la selezione dei 5 esperti, al tempo pubblicato tra dicembre 2023 e gennaio 2024".

Il nuovo bando, rimasto aperto per appena 48 ore ha suscitato ulteriori proteste dei sindaci, ai quali Neri e Minicuci rivolgono piena solidarietà e sostegno. "Non convincono, sia politicamente che tecnicamente - dicono i consiglieri - le giustificazioni del Comune di Bagaladi, che parla di riattivazione dell’avviso precedente. Siamo certi che l’interrogazione parlamentare depositata dalla senatrice Minasi potrà accendere i riflettori su una vicenda che indubbiamente necessita di attenzione e dei dovuti approfondimenti. Come consiglieri metropolitani di opposizione - concludono - continueremo a vigilare sul corretto svolgimento delle strategie di sviluppo dell’area grecanica, territorio straordinario, al quale siamo anche particolarmente legati dal punto di vista affettivo". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Bando "lampo" a Bagaladi, Neri e Minicuci annunciano interrogazione di Minasi

ReggioToday è in caricamento