Elezioni metropolitane, Nesci tuona: "Scandaloso andare alle urne il 24 gennaio"

Il commissario provinciale di Fratelli d'Italia punta il dito contro la decisione adottata dal sindaco Giuseppe Falcomatà anche in virtù "che sono state rinviate, a causa della pandemia, le competizioni regionali"

Palazzo Alvaro

"Per noi è scandaloso che si facciano le elezioni metropolitane il 24 gennaio, anche in virtù del fatto che sono state rinviate, a causa della pandemia, le competizioni regionali. Non vedo l'urgenza".

E' commento all'agenzia Dire di Denis Nesci, commissario provinciale di Fratelli d'Italia che aggiunge: "Poi se il sindaco ha delle esigenze di sistemare qualche posto allora si capisce che la fretta è per questo motivo. Per quanto ci riguarda le difficoltà ci sono, ma sono legate al fatto che fino a ieri eravamo in 'zona rossa' e quindi anche la sola raccolta delle firme per le nostre liste è stata problematica".

"Risulta imbarazzante, inoltre - rincara Nesci - che a queste elezioni metropolitane venga precluso a due grandi Comuni quali Siderno e Delianuova (attualmente commissariati) la possibilità di avere dei rappresentanti. Un rinvio gli avrebbe consentito di avere dei candidati e dei possibili eletti".

"Questa forzatura non la comprendiamo - conclude il commissario provinciale - o meglio la intendiamo come un mero interesse del sindaco Falcomatà nel sistemare qualche posto".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • "Vado a posare il fucile e poi torno", gli attimi seguenti all'omicidio nel racconto del figlio delle vittime

  • Aperitivo con oltre 20 persone in un negozio etnico: cinque multe e attività chiusa

  • Per i Carabinieri ad uccidere i coniugi di Calanna sarebbe stato Francesco Barillà

  • Consumavano in un locale oltre l'orario di apertura: fioccano multe e chiusa l'attività

  • Duplice omicidio di Calanna, arrestato il responsabile della morte dei coniugi Cotroneo

  • La battaglia del primario Amodeo per una sanità pulita: "Non mi imbavaglieranno"

Torna su
ReggioToday è in caricamento