Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Minicuci ammette la sconfitta e si carica le responsabilità: "E' tutta colpa mia" | VIDEO

Il candidato del centrodestra incontra la stampa ed analizza l'esito del voto al ballottaggio: "Non sono riuscito a far capire il mio progetto, adesso sono pronto a fare opposizione costruttiva"

 

"E' colpa mia, non sono riuscito a far capire ai reggini che non ero il candidato della Lega. Non sono riuscito a far recepire la validità del progetto". Antonino Minicuci è praticamente solo nel quartier generale del centrodestra, disertato per tutto il tempo dello scrutinio, quando incontra la stampa e non esita ad addossarsi la colpa della sonora sconfitta patita da Giuseppe Falcomatà. 

Al turno di ballottaggio il candidato del centrodestra si è fermato al 41,64%, raccogliendo 31438 voti e consegnando alla coalizione nove consiglieri comunali di opposizione. Il suo impegno non è bastato, però, a convincere i reggini della sua buona fede, delle sue capacità amministrative, ad allontanare quella cappa di candidato imposto da Matteo Salvini che lo ha accompagnato durante la lunga ed estenuante campagna elettorale. "Il tempo è stato tiranno - ha detto ancora Minicuci - avrei voluto incontrare molta più gente, magari mandare a tutti i reggini una lettera, ma non ne ho avuto il tempo". 

Delusione, amarezza e commozione sono questi i sentimenti che accompagnano il candidato sindaco del centrodestra durante la conferenza stampa, insieme ad una certezza: "Non ho avuto i voti delle lobby e degli ndranghetisti, il nostro non è stato un voto clientelare come quello che ha contraddistinto il centrosinistra dove gli ex assessori sono stati rieletti con percentuali di voto assai alte".

Nel futuro di Antonino Minicuci, come dichiarato dallo stesso, ci dovrebbe essere un posto da capo dell'opposizione a Palazzo San Giorgio. "Farò il consigliere di opposizione - ha detto Minicuci - adesso valuterò bene tutte le conseguenze con la mia famiglia, e sono pronto a fare un'oppisizione costruttiva".

Ora nel centrodestra reggino, però, è già il tempo del "redde rationem", la coalizione sarà chiamata a fare i conti con la sconfitta, ad analizzarne le motivazioni e ricercare i responsabili di una debacle certificata dal ballottaggio ma già maturata in parte al primo turno e, prima ancora, nella scelta del candidato sindaco.

Potrebbe Interessarti

Torna su
ReggioToday è in caricamento