rotate-mobile
Il caso

Muraca neo consigliere regionale: "Svolgerò il mio ruolo finché la norma lo consentirà"

Surrogato a Irto, l'ex assessore comunale reggino sospeso per effetto della Severino dopo la sentenza d'appello Miramare, aspetta determinazioni anche sul nuovo incarico

Il Consiglio regionale della Calabria, nella seduta di oggi, ha provveduto alla surroga dei due consiglieri dimissionari, Fausto Orsomarso (FdI) e Nicola Irto (Pd), eletti alle ultime politiche che hanno optato per il seggio parlamentare di senatori. Al loro posto sono stati chiamati tra i banchi di Palazzo Campanella, in base all'ordine di classifica dei non eletti Sabrina Mannarino (FdI), avvocata del foro di Paola, e Giovanni Muraca (Pd). Su quest'ultimo, però, pende la condanna in appello per il processo Miramare, che, già alla luce del suo impegno come assessore comunale di Reggio, ha fatto scattare la sospensione per gli effetti della legge Severino. L'ex assessore ai lavori pubblici della giunta comunale Falcomatà, resta dunque in bilico per motivi procedurali ma di fatto dovrà essere a sua volta surrogato perché è attualmente sospeso da ogni carica dopo due condanne, in primo e secondo grado. Si attendono adesso le determinazioni successive con la comunicazione ufficiale di palazzo Campanella. Muraca sarà sospeso anche dalla brevissima carica di consigliere regionale e surrogato con il successivo non eletto nella lista dei dem, Antonino Billari. 

Muraca, neo consigliere regionale con il punto interrogativo, ha commentato: "È tutto un po' offuscato sull'aspetto burocratico: so che ho una procedura che arriverà ma svolgerò la mia attività di consigliere regionale finché la norma me lo consentirà, dopodiché resterò in congedo e in silenzio in attesa della pronuncia della Cassazione alla quale faremo ricorso rispetto al reato che ci è stato contestato".

Muraca è stato recentemente condannato dalla Corte d'Appello di Reggio a sei mesi con pena sospesa, a conclusione del processo Miramare per il reato di abuso d'ufficio. Per questo gli è stata confermata la sospensione, ad ulteriori 12 mesi, dall'incarico di assessore comunale reggino per gli effetti della legge Severino. Sul suo attuale incarico da consigliere regionale si attende quindi l'esito dei provvedimenti prefettizi di competenza.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Muraca neo consigliere regionale: "Svolgerò il mio ruolo finché la norma lo consentirà"

ReggioToday è in caricamento