rotate-mobile
Domenica, 21 Aprile 2024
Il dibattito

Alta velocità, ecco come farà aumentare Pil cambiando il futuro della regione

Se n'è parlato a Reggio in un convegno con numerosi ospiti, promosso dal movimento La Calabria che vogliamo

Gli scenari di sviluppo del territorio con l'alta velocità sono stati al centro del convegno ‘L’Alta Velocità che serve alla Calabria e al Sud’, presso la biblioteca di Palazzo Alvaro, organizzato dal movimento La Calabria che vogliamo.

“L’Alta Velocità per noi meridionali è una priorità – ha spiegato in apertura Giuseppe Nucera, presidente del movimento – perché siamo in forte ritardo rispetto al resto del Paese se consideriamo che da oltre 20 anni le aree del Centro-Nord sono collegate con i treni veloci. Cristo si è fermato a Eboli, ma con l’Alta Velocità possiamo dire che si è fermato invece a Salerno. L’evento di oggi - ha aggiunto - vede tanti protagonisti di livello e un coro plurale di voci perché ritengo importante allargare il dibattito e ascoltare da vicino le parti in causa, provenienti da diverse zone della Calabria”.

Tra gli ospiti Francesco Russo (professore ordinario trasporti dell’Università di Reggio Calabria), che ha evidenziato come una vera alta velocità garantirebbe un aumento del Pil e non solo.

“Con l’alta velocità - ha spiegato - per la Calabria ci sarebbe subito un incremento di occupazione e un incremento dello sviluppo sociale complessivo perché aumentando la possibilità di risorse si raddoppierebbe il Pil, l’incremento di Pil differenziale annuale sarebbe un risultato che non si può ottenere con nessun’altra opera infrastrutturale, la Calabria cambierebbe la sua storia".

"L’alta velocità in Sicilia -ha evidenziato Russo- è stata trasformata, non ci sarà un’alta velocità in Sicilia e di fatto questo tracciato per l’alta velocità in Calabria è un tracciato a zig zag che tutto è tranne che un’alta velocità”.

La prospettiva siciliana è stata approfondita dal professor Massimo Di Gangi (ordinario trasporti Università di Messina), che ha affrontato il tema dell’alta velocità anche in relazione alla rivoluzionaria opera del Ponte sullo Stretto, infrastruttura che legherebbe la regione siciliana non solo al resto d’Italia ma all’intera Europa.

Aldo Ferrara, Presidente Unindustria Calabria, ha invece puntato l’indice riguardo il reperimento delle risorse necessarie per realizzare l’alta velocità. “Attualmente non ci sono, si parla di più di 10 miliardi, ma io intanto mi preoccuperei che il primo tracciato venga realizzato perché è stato messo in pista. Quello che è certo è che tutti i territori attraversati dall’Alta Velocita hanno una crescita del Pil“, ha rimarcato Ferrara evidenziando l’importanza dell’Av per il futuro della Calabria.

Prezioso il contributo offerto da numerosi amministratori dell’alto cosentino, prime sentinelle di territori che chiedono di essere ascoltati sul tema dell’alta velocità: nel corso del convegno hanno preso parola, il video collegamento, Ernesto Magorno (Sindaco di Diamante), Biagio Praino (Vice Sindaco di Tortora) e Giacomo Perrotta (sindaco di Scalea).

Giuseppe Maiolo, presidente del collegio ingegneri ferroviari della Calabria, ha evidenziato l’importanza di diminuire il numero di fermate. “Dopo aver chiesto e ottenuto l’eliminazione del ramo cosentino che avrebbe soltanto allungato i tempi e creato diverse problematiche - ha detto - adesso chiediamo la riduzione delle fermate per riuscire nell’obiettivo di avere una durata altamente competitiva, attorno alle 3 ore, per il tracciato Reggio Calabria-Roma. Serve la stessa filosofia utilizzata per la direttissima Roma-Firenze, senza fermate si possono effettuate interconnessioni per servire le altre città. I Frecciarossa e Frecciargento di oggi fanno troppe fermate, questo significa mancanza sinergia tra il trasporto Frecciarossa e le reti locali”, ha concluso Maiolo.

In chiusura di convegno, l’economista Matteo Olivieri ha messo in guardia rispetto ai paletti alzati dalla Corte dei Conti: “Calabria e Sud hanno bisogno di collegamenti stabili ed efficienti, investimenti che però devono essere fatti bene. Il perimetro delineato dalla Corte dei Conti europea  ha messo in guardia rispetto al tipo di investimenti da effettuare. In Italia il costo per chilometro di Av è il doppio di Germania e Spagna, l’orografia della nostra nazione non aiuta. Solo una parte delle risorse destinate all’Av viene dal Pnrr - ha sottolineato Olivieri - il resto sono fondi pubblici, per questo motivo serve prudenza e da economista non posso che sottoscrivere”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Alta velocità, ecco come farà aumentare Pil cambiando il futuro della regione

ReggioToday è in caricamento