Coronavirus, Italia Viva: "Occorre stanziare fondi che possano aiutare i comuni"

Il gruppo consiliare, composto da Brunetti, Latella e Nocera, rinnova l'appello ai concittadini, "di mantenere il più possibile un atteggiamento rispettoso del prossimo

Il gruppo consiliare di Italia Viva di Reggio Calabria, composto da Paolo Brunetti, Giovanni Latella e Antonino Nocera in questo momento di estrema difficoltà della città, esprime innanzitutto profonda gratitudine a medici, infermieri, operatori socio sanitari e volontari del Grande ospedale metropolitano e dell’Asp che con immenso spirito di solerzia, di abnegazione e responsabilità, stanno quotidianamente affrontando la terribile emergenza Covid-19.

"In queste ore difficili, - scrivono Brunetti, Latella e Nocera - di sfida, che stanno impegnando il nostro paese e la nostra amata Reggio, Italia Viva si rende disponibile come già dimostrato nei giorni scorsi in sede di Consiglio Metropolitano, ad aprire dei tavoli di confronto con l’amministrazione comunale e metropolitana, con l’intento di individuare nuove strategie e idee atte a determinare soluzioni condivise e risolutive.

Tra le tante problematiche su cui intervenire, sottolineiamo principalmente la grave situazione che sta
investendo il nostro già fragile tessuto economico e produttivo".

Secondo gli esponenti politici, "il decreto governativo “Cura Italia” non tiene nella giusta considerazione il sud e la Calabria. Infatti, nel provvedimento non si da giusto risalto alle difficoltà che vivono già atavicamente i comuni del sud italia e che sono ancor più aggravate oggi in considerazione dell’emergenza Covid-19.

Per questo, sarebbe opportuno chiedere con rinnovato impegno al governo, di stanziare fondi che possano
aiutare i comuni ed in particolar modo la Città metropolitana di Reggio Calabria, rivolgiamo questo appello anche al sindaco affinché si faccia anche lui dall’alto della sua carica portavoce di questa fondamentale richiesta".

Infine, l'accorato appello ai concittadini, "vi chiediamo in queste ore di difficoltà di mantenere il più possibile un atteggiamento riguardato e rispettoso del prossimo, vi chiediamo di rimanere chiusi in casa in attesa che il peggio passi.

Auspichiamo che vi sia un controllo capillare del territorio per evitare che nostri concittadini imprudenti mettano a repentaglio e procurino ulteriori danni alla salute della nostra comunità. Questa è anche una battaglia culturale, perché noi reggini noi italiani non accettiamo l’immagine del premier inglese Boris Johnson che invita: "ad abituarsi a perdere i vostri cari", questa considerazione nega la nostra stessa civiltà.

La nostra nazione, la nostra società si è fatta sempre carico dei propri vecchi non lasciandoli morire, i nostri
anziani hanno combattuto guerre per darci un futuro migliore, per questo chiediamo di rinunciare a piccole
abitudini per evitare che a morire siano in troppi.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Ed in questo senso, va anche un plauso al sindaco della città che con le ultime disposizioni ha tracciato una serie di nuove regole che riteniamo importanti ed utili per la salvaguardia della nostra salute pubblica. Italia Viva sarà costantemente impegnata nella risoluzione delle problematiche che attanagliano la nostra città, ringraziamo in particolar modo tutti i nostri sostenitori e tutti i cittadini che ogni giorno ci danno la forza per continuare nel nostro impegno politico".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid-19 e buoni spesa, online l'avviso: ecco tutte le info per presentare la domanda

  • La lotta al coronavirus nel tunnel della terapia intensiva, dove non tutto è perduto

  • Covid-19, il partigiano Malerba invia video messaggio al Colle e Mattarella lo chiama

  • La governatrice Jole Santelli proroga la "zona rossa" per Montebello e Melito al 12 aprile

  • Emergenza Covid-19, il sindaco di Montebello Ionico lascia l'ospedale e ritorna a casa

  • Mascherine "made in Reggio Calabria", create da aziende reggine e distribuite ai cittadini

Torna su
ReggioToday è in caricamento