Comunali, le proposte de La Strada e Riabitare Reggio per il rilancio dell’economia

Le due liste che sostengono la corsa del candidato sindaco Saverio Pazzano, alle elezioni del 20 e 21 settembre, indicano le misure che si impegnano ad assumere in caso di vittoria alle comunali

Le attività produttive e gli esercizi commerciali sono il cuore pulsante di una città. Ne indicano lo stato di
sviluppo e di benessere, proprio come un termometro o una cartina tornasole. Una città vibrante, con strade
frequentate a tutte le ore del giorno e della sera non solo nelle vie del centro ma in tutti i quartieri, una città
piena di negozi e botteghe è una città viva, in salute, che trasmette entusiasmo e fiducia nel futuro.

Per La Strada e Riabitare Reggio "il cuore pulsante della città di Reggio ha continuato a battere – e lo fa tuttora – per decenni fra mille difficoltà. Alcune strutturalmente legate al contesto sociale nel quale viviamo – imposte comunali elevatissime, carenza di alcuni servizi fondamentali come la raccolta dei rifiuti o il funzionamento della rete idrica, rappresentanza estremamente debole a livello politico e istituzionale e, soprattutto, i condizionamenti al libero mercato e alla normale concorrenza propri di un contesto a forte densità mafiosa e criminale – altre più recenti e legate all’emergenza Covid, che ha fortemente colpito la maggior parte delle attività produttive del nostro Paese.

L’emergenza Covid ha riproposto con evidenza il tema delle disuguaglianze mai risolte tra Nord e Sud del Paese, anche in relazione alle attività produttive e commerciali. A battersi per una ripresa veloce e per un
sostegno energico alle piccole e medie impresa da parte dello Stato sono state/i soprattutto le/gli esercenti del Nord Italia, dove pure la pandemia era molto più diffusa, mentre al Sud in generale e nella nostra Reggio
hanno prevalso le istanze di prudenza e immobilismo.

Questo ci ha fatto riflettere e aprire gli occhi sulla nostra realtà cittadina e sulla sua composizione sociale. Emigrazione giovanile, età media della popolazione piuttosto elevata, prevalenza di persone occupate nel pubblico impiego sono alcuni tra i fattori che caratterizzano il nostro contesto produttivo come depresso e sostanzialmente asfittico, non solo durante l’emergenza, ma nella normalità".

"Ma le attività produttive – lo ripetiamo – sono il cuore pulsante di una città. Sono quelle che, insieme alla cultura e all’educazione, costruiscono il presente e gettano le basi per il futuro. E allora la classe politica
avrebbe dovuto tutelarle di più e avrebbe dovuto tenere maggiormente in considerazione le loro istanze. E invece cosa è successo? Che gli/le esercenti sono stati/e catapultati/e in un caos normativo senza precedenti, in cui i vari dpcm e le ordinanze regionali e comunali si susseguivano senza soluzione di continuità e imponevano misure fortemente contrastanti e contraddittorie.

Gradualmente, durante la fuoriuscita dalla fase più acuta della pandemia, il contrasto tra i dpcm e le diverse ordinanze ha iniziato a configurarsi come un gioco strategico, politico ed elettorale il cui peso ricadeva interamente sulle nostre spalle.

I protocolli relativi alle misure da seguire in vista della riapertura sono giunti con estremo ritardo (la notte del 3 maggio) e sono apparsi da subito molto vaghi e suscettibili di diverse interpretazioni. Al rischio costante di ricevere multe o contravvenzioni – o addirittura di vedersi imporre nuovamente la chiusura dell’attività – per questioni di “interpretazione” del regolamento, si è poi aggiunto il forte aumento dei costi di gestione, dovuto all’obbligo di acquisto di dispositivi e presidi medico-sanitari".

Il settore attività produttive e commercio della coalizione civica La Strada e Riabitare Reggio con Saverio Pazzano sindaco ha elaborato una serie di proposte operative per favorire il rilancio dell’economia cittadina e delle PMI. L’idea che ha ispirato queste nostre proposte è la centralità assoluta del lavoro. Questo ci ha portato a preferire misure e investimenti indiretti volti ad un rilancio generale dell’economia, piuttosto che semplici rimborsi o elargizioni distribuite a pioggia alle singole imprese.

"Non abbiamo bisogno di elemosine, ma di rilanciare l’economia. Grande attenzione è stata data alla trasparenza, alla partecipazione e soprattutto alle produzioni artigianali e locali, settore sul quale – riteniamo – la prossima amministrazione dovrà puntare fortemente, all’economia smart e all’economia green. In questa città c’è molto da costruire: trasformiamo la crisi in opportunità!

Misure per il rilancio economico del nostro territorio:

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
  •  Attivazione immediata della Consulta delle Attività Produttive e calendarizzazione degli incontri;
  • Forte riduzione delle tasse per l’occupazione di suolo pubblico e tendenza generale (sempre commisurata ai singoli casi) a concedere l’occupazione alle attività di ristorazione;
  • Semplificazione burocratica e agevolazioni per l’industria teatrale e cinematografica;
  • Agevolazioni per start up caratterizzate da una forte impronta smart e green;
  • Promozione strategica di prodotti tipici e artigianato locale;
  • Manutenzione ordinaria degli spazi pubblici e cura del decoro urbano, con particolare attenzione a marciapiedi, piazze, aree pedonali;
  • Sviluppo di una strategia di marketing territoriale per rilanciare il turismo;
  • Semplificazione burocratica e digitalizzazione delle procedure (creazione di un’app);
  • Sospensione delle imposte e agevolazioni sugli affitti per le aziende virtuose e sane che versano in uno stato momentaneo di crisi;
  • Istituzione di un fondo comunale per finanziare la formazione digitale e l’innovazione smart e green delle PMI;
  • Messa a disposizione di locali ed edifici di proprietà comunale per le imprese vittime della criminalità organizzata. La vicinanza ed il sostegno dell’amministrazione comunale a chi denuncia episodi estorsivi o altre forme di intimidazione mafiosa deve essere totale.

"Queste - assicurano La Strada e Riabitare Reggio - le misure che ci impegniamo ad assumere in caso di vittoria alle prossime consultazioni comunali o per le quali ci batteremo strenuamente come opposizione. Ci auguriamo che anche le altre formazioni civiche e politiche assumano impegni in questo senso e capiscano il valore fondamentale delle attività produttive, degli esercizi commerciali, delle PMI, per il presente ed il futuro della nostra città".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Gallo e la M&G Holding, le Iene "indagano" sulla società del presidente amaranto

  • Nuovo Dpcm contro il Covid: stop anticipato a ristoranti e bar, no al divieto di circolazione

  • "Batteri coliformi nell'acqua", scatta il divieto per uso alimentare in alcune zone della città

  • Falcomatà battezza la sua nuova giunta: "Capaci di vincere le partite più difficili"

  • La droga in Sicilia arrivava via mare, due arresti sulle acque dello Stretto

  • L’annona il “pane degli dei” simbolo di Reggio: alla scoperta del frutto esotico

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ReggioToday è in caricamento