rotate-mobile
Giovedì, 27 Gennaio 2022
Politica

Ecco come sarà il nuovo consiglio comunale, il ballottaggio definirà il peso finale delle liste

Il dato che emerge dopo il primo turno è quello di una sostanziale parità fra gli schieramenti di centrosinistra e centrodestra. Il premio di maggioranza potrebbe cambiare, anche se di poco, il quadro consiliare, Davi attacca: "Fuori per killer schede"

Quando ancora lo spoglio non è stato concluso, in base ai dati ufficiali pervenuti per 215 sezioni sulle 218 totali, i seggi per il nuovo consiglio comunale di Reggio Calabria alla luce del risultato delle elezioni comunali sono così attribuiti: 11 alla coalizione di centrosinistra, così suddivisi: 4 Pd, 1 S’intesi, 1 Innamorarsi di Reggio, 1 Articolo Uno – Reggio Coraggiosa, 1 Italia Viva, 1 Reset, 1 La Svolta, 1 Psi – A testa alta.

Undici alla coalizione di centrodestra, e rispettivamente: 4 Forza Italia, 2 Fratelli d’Italia, 1 Lega, 1 Cambiamo con Toti, 1 Minicuci Sindaco, 1 Reggio Attiva, 1 Ogni Giorno Reggio Calabria.

In consiglio, poi, avrebbe uno scranno anche Angela Marcianò ed uno Saverio Pazzano.

Questi sono i seggi certamente già assegnati, a prescindere dall’esito del ballottaggio

Qualora al ballottaggio vincesse il sindaco uscente Giuseppe Falcomatà, scatterebbe il premio di maggioranza con altri 8 seggi per la sua coalizione che, nel caso in cui non ci fossero apparentamenti, andrebbero così suddivisi: 1 al Pd, 1 a S’intesi, 1 ad Articolo Uno – Reggio Coraggiosa, 1 a Innamorarsi di Reggio, 1 a Italia Viva, 1 a Reset, 1 a La Svolta, 1 a Primavera democratica.

Nel caso in cui invece il ballottaggio fosse vinto da Minicuci, sempre senza apparentamenti, il premio di maggioranza dei rimanenti 8 seggi sarebbe così distribuito: 2 a Forza Italia, 2 a Fratelli d’Italia, 1 a Lega, 1 a Cambiamo con Toti, 1 a Minicuci Sindaco, 1 ad Ama Reggio.

Kluas Davi, infine, promette battaglia e ricorsi. Il massmediologo, infatti, ha ottenuto il 4,64% di preferenze come candidato a sindaco, ma la sua lista è ferma al 2,98%, per una manciata di voti sotto il 3% che gli avrebbe consentito di entrare in consiglio comunale. Mancano ancora i dati delle ultime 3 sezioni, che sono state inviate all’ufficio centrale per il completamento delle operazioni.

"Purtroppo forse saremo fuori da palazzo San Giorgio. E questo per pochissimi voti. Qualche zelante presidente di seggio - questo l'affondo di Klaus Davi - travestito da killer di schede ha espletato il mandato burocratico alla perfezione. Ovviamente ci riserviamo provvedimenti  e ricordi nelle sedi opportune e nelle modalità previste dalla legge sempre con il massimo rispetto per le istituzioni".

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ecco come sarà il nuovo consiglio comunale, il ballottaggio definirà il peso finale delle liste

ReggioToday è in caricamento