rotate-mobile
Sabato, 24 Febbraio 2024
Politica

Le donne scendono in campo con la Marcianò: "Colpite nell'orgoglio di cittadine"

Lettera firmata da 47 candidate che sostengono la corsa della candidata sindaco per condannare l'attacco patito e denunciato

"I fatti, ormai noti a tutti, ci hanno colpite nell’orgoglio. Non di donne o candidate, ma proprio di cittadine". Inizia con queste parole la lettera di solidarietà, firmata dalle 47 candidate nelle liste che sostengono l'aspirante sindaco Angela Marcianò.

"Mettere in rete l’immagine pornografica di una donna è già di per sé un atto vile e deplorevole, figurarsi poi se è il fotomontaggio che coinvolge una mamma, moglie, donna seria, integerrima, impegnata da sempre nel sociale e in politica".

Angela Marcianò ha messo in campo proprio la sua immagine pulita, quella che anche i più acerrimi “nemici” sono obbligati a riconoscere, seppur a denti stretti. E pensare di imbrattarla con questo gesto scandaloso - continua la nota - ha un che di ignobile ed al contempo stupido, perché non fa altro che testimoniare la piccolezza d’animo di coloro che l’hanno pensato, progettato, realizzato e messo in rete, l’incapacità di sostenere dialoghi normali e confronti corretti".

Prima di scrivere pubblicamente, le candidate hanno aspettato "che intervenissero le Istituzioni del territorio e gli altri schieramenti politici impegnati in questa campagna elettorale. Ma la solidarietà, la vicinanza, non si dà mai per scontata. Ed è proprio questo il motivo del nostro scrivere collettivamente".

Le 47 candidate che sostengono la corsa della Marciano vogliono "la vicinanza della gente, di donne e di uomini! La solidarietà vera, non ci basta quella dell'opportunità del momento e di facciata! Le donne quando decidono di condurre una crociata in difesa di qualcosa o di qualcuno non le fermi neppure per un attimo. Non esiste “il sesso debole”, noi non ci sentiamo affatto di esserlo, sposando quindi a pieno motivazioni ed ideali portati avanti da Angela non adesso in campagna elettorale 2020, bensì da molti anni prima.

La storia politica cittadina di quest’ultimo mese ha già dato ampia dimostrazione di ciò che sanno mettere in moto le donne quando decidono di fare qualcosa, di raggiungere un obiettivo, di schierarsi. Noi oggi ci schieriamo ancora una volta, lo facciamo mettendoci davanti ad Angela, né dietro né al fianco. Con la certezza dei nostri valori ci aggrappiamo maggiormente alla convinzione di essere sulla strada giusta, quella dell’indipendenza e della libertà. Sempre con te, Angela, ognuna di noi".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Le donne scendono in campo con la Marcianò: "Colpite nell'orgoglio di cittadine"

ReggioToday è in caricamento