Da Condofuri a San Luca, il candidato Nucera in tour elettorale nei Comuni calabresi

L’imprenditore e promotore de 'La Calabria che vogliamo' incontrerà anche i sindaci di Gerace, Mammola, Grisolia, Melissa, Sersale, Cosoleto, Santa Cristina d'Aspromonte e Villa

Nucera con il sindaco e i rappresentanti del comune di Condofuri

Il candidato alla presidenza della Regione, Giuseppe Nucera, promotore del movimento civico indipendente "La Calabria che vogliamo", ha dato il via a un tour nei Comuni per ascoltare le emergenze e le priorità della regione. Un appuntamento fortemente voluto dall’ex presidente di Confindustria Reggio Calabria, che si è aperto ieri con la prima visita al sindaco del Comune nativo di Condofuri, Tommaso Iaria. 

"Un’occasione per riunire tutte le anime del territorio – ha dichiarato Nucera – e consentire un confronto aperto sulle problematiche della nostra regione. ‘La Calabria che vogliamo’ si vuole porre in una posizione di ascolto degli amministratori locali e trasparenza per poter programmare strategie efficaci e intercettare le reali esigenze della Regione".


Occorre "uno strumento irrinunciabile di ascolto - ha spiegato ancora Nucera - per elaborare un programma che sia aderente alle effettive priorità del territorio. La partita per la rinascita della Calabria si gioca principalmente sul piano economico. Servono idee ambiziose per creare nuove imprese e posti di lavoro dopo una crisi che ci ha relegati ai margini del Paese, rendendoci spettatori e mai protagonisti, succubi di una classe dirigente incapace che non ha saputo valorizzare le nostre tantissime risorse e ha messo in ginocchio la nostra regione facendola scivolare tra quelle più povere". 

È opportuno per il candidato presidente alle prossime Regionali "incentivare gli investimenti specie nei confronti delle giovani generazioni che spesso sono obbligate a spostarsi dalla Calabria per trovare nuove opportunità". Inoltre è necessario per Nucera "trovare risorse specifiche che i Comuni faticano a mettere in campo e costruire una fortissima identità territoriale che invogli i cittadini calabresi a investire nei luoghi dove sono nati. Affronteremo questo tema nei Comuni e porteremo le loro istanze nei tavoli decisionali, avendo modo di vedere come la leva culturale sia fondamentale per innescare anche investimenti economici.

Turismo e agricoltura, sono strettamente collegate nel valorizzare il territorio e creare una nuova Calabria attrattiva, che torna a crescere. Una nuova Regione accogliente e propositiva passa indubbiamente da una rivisitazione di tutte le infrastrutture di trasporto così da consentire di uscire da un isolamento inaccettabile che esclude la Calabria dal sistema Italia; in aggiunta è fondamentale snellire la burocrazia per fare in modo che gli investimenti e le nuove attività vengano sbloccate con facilità creando così la percezione di un’amministrazione vicina ai bisogni del cittadino".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il tour elettorale del candidato proseguirà con l'incontro dei sindaci di Gerace, Mammola, Grisolia, Melissa, San Luca, Sersale, Cosoleto e Villa San Giovanni.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Fiamme gialle rompono una "Catena di Sant'Antonio" truffaldina: scatta sequestro

  • Dentro la 'ndrangheta degli "invisibili" i boss "laureati" in contatto con le istituzioni

  • La "scuola mafiosa" di Peppe Crisalli al figlio: "Quando si picchia, si picchia subito"

  • Movida, assembramenti e rischio Covid: il questore chiude un bar del centro per 5 giorni

  • Boom di guariti a Reggio, il Gom è Covid free: dimesso l'ultimo paziente e sesto giorno a 0 contagi

  • Sigilli della Squadra mobile a bar e aziende riconducibili alle cosche Rosmini e Zindato

Torna su
ReggioToday è in caricamento