rotate-mobile
Venerdì, 24 Maggio 2024
La polemica

Europee, Saccomanno: "Vannacci non piegherà mai la schiena"

Il commissario regionale della Lega puntualizza il tentativo "della sinistra per non fare capire nulla e per cercare di sminuire il valore dell’avversario"

“Perché la sinistra ha paura di Vannacci?”, la provocatoria domanda di Giacomo Francesco Saccomanno, commissario regionale della Lega che interviene sulle contestazioni della sinistra rispetto alla candidatura del generale.

“Da giorni Vannacci è sulla bocca di tutti e maggiormente della sinistra che ne contesta la candidatura per ragioni veramente incomprensibili!”

“Intanto – afferma Saccomanno - va precisato che sono state estrapolate frasi dai suoi interventi senza, però, inserirli nel contesto generale del ragionamento al solo fine di denigrarlo. Il solito metodo della sinistra per non fare capire nulla e per cercare di sminuire il valore dell’avversario. Metodologia oggi che, però, non paga: la politica non è uno slogan, ma una discussione serena, un dibattito anche acceso, una analisi attenta che deve, però, portare alla successiva sintesi”. 

“Nulla di ciò oggi! Con la conseguenza che manca un’alternativa all’azione, anche coraggiosa, del Governo e del centrodestra. E per ritornare a Vannacci appare del tutto suggestiva e di un favore alla Lega una polemica del tutto sterile ed inutile. Si può essere o meno d’accordo sulle sue frasi, ma non può, sicuramente, essere tacciato di ambiguità”. 

“Il generale ha rappresentato lo Stato e, naturalmente, si presenta nella veste in cui ha difeso, a rischio della vita, l’Italia in vari conflitti, ha manifestato un’idea di solidità della Repubblica, ha ritenuto che vi sia necessità di maggior ordine e sicurezza. Un uomo, quindi, che non piegherà mai la schiena e che, certamente, sarà un valore aggiunto nell’Europa di un centrosinistra che non ha una linea coerente ed in favore della crescita degli Stati e delle comunità. Un’Europa colpita al cuore da scandali, corruzione, abusi e che non è riuscita a realizzare quel sogno di unità e sviluppo unitari”. 

“Un’Europa che ha tentato di distruggere l’economia dell’Italia – prosegue - con gli interventi scellerati sugli immobili, sul cibo, sulla produzione alimentare, sulle auto elettriche, e via dicendo. Interventi che mirano a distruggere l’economia italiana al fine di soggiogarla come è avvenuto per la Grecia. Ecco, quindi, la necessità che in Europa vadano uomini e donne forti e con le idee chiare e precide di quello che si vuole fare”.

“Vannacci non è soggetto che mira al compromesso e, quindi, è un vero servitore dello Stato che porrà una barriera forte ed insuperabile per la difesa del Made in Italy e degli interessi della nostra Nazione. Ecco perché la sinistra ha paura di Vannacci e tenterà in tutti i modi di denigrarlo e attaccarlo con tutti i mezzi pur di indebolirlo. Ma ciò non potrà mai accadere perché il generale è sicuro dei fatti suoi ed ha affrontato battaglie molto più difficili, rimanendo sempre in piedi e vittorioso. Un valore aggiunto, quindi – conclude Saccomanno - per l’Italia e per la Lega. E la Calabria saprà valorizzare la qualità del generale”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Europee, Saccomanno: "Vannacci non piegherà mai la schiena"

ReggioToday è in caricamento