Fondi ai disabili, Dieni: "L'Asp si attivi subito e sblocchi la situazione"

La portavoce alla Camera del M5S è intervenuta dopo la denuncia del presidente Genovese di Aisla Calabria sul caso dei 200 disabili che da 9 mesi non ricevono l'assegno mensile

"L'Asp si attivi subito per sbloccare i fondi destinati ai disabili gravissimi della provincia di Reggio Calabria". È la richiesta della portavoce Federica Dieni, alla Camera del Movimento 5 Stelle dopo la denuncia di Francesca Genovese, presidente di Aisla Calabria.

"Diversi organi di stampa – continua la deputata – riportano il caso dei 200 disabili, tra cui 10 affetti da Sla, che da nove mesi non riceverebbero l'assegno di cura mensile pari a 600 euro al mese, soldi necessari per sostenere le spese relative all'assistenza domiciliare. Le risorse bloccate ammonterebbero a 1,6 milioni di euro, provenienti dal Fondo nazionale per la non autosufficienza".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Pe Federica Dieni è "quasi inutile sottolineare l'importanza di questi contributi, destinati a persone che vivono in situazioni di grande difficoltà e che non possono essere abbandonate al loro destino. Mi auguro, pertanto, che i vertici dell'Asp vogliano affrontare nel più breve tempo possibile questa situazione e trovare una soluzione che liberi risorse stanziate nell'ormai lontano 2015".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Fiamme gialle rompono una "Catena di Sant'Antonio" truffaldina: scatta sequestro

  • Movida, assembramenti e rischio Covid: il questore chiude un bar del centro per 5 giorni

  • La "scuola mafiosa" di Peppe Crisalli al figlio: "Quando si picchia, si picchia subito"

  • Sigilli della Squadra mobile a bar e aziende riconducibili alle cosche Rosmini e Zindato

  • "Cemetery boss", i nomi degli arrestati: c'è anche il dirigente dei servizi cimiteriali

  • Le mani della 'ndrangheta sul cimitero di Modena e sugli appalti edili in città

Torna su
ReggioToday è in caricamento