rotate-mobile
Lunedì, 26 Febbraio 2024
Il caso Ga-Ga / Calanna

Gallico-Gambarie, insorgono i sindaci della Vallata: "Propaganda alle spalle dei nostri territori"

Diventa un caso il sopralluogo di Falcomatà, ora anche gli amministratori di quattro comuni accusano il sindaco

E' ormai diventato un caso il sopralluogo di Giuseppe Falcomatà sul cantiere della strada Gallico-Gambarie. Dopo la reazione indignata del deputato Francesco Cannizzaro e le critiche di molti rappresentanti del centrodestra, ad intervenire con toni accesi sono gli amministratori della Vallata del Gallico.

A firmare una nota durissima nella quale si accusa il sindaco metropolitano di agire secondo una "logica propagandistica mirata ad ottenere visibilità e meriti a discapito di altri" sono sindaci consiglieri e assessori del comuni di Calanna, Laganadi, Sant'Alessio e Santo Stefano in Aspromonte. 

"Non siamo neanche stati avvisati del sopralluogo del sindaco"

"Ha dell'incredibile quanto ha tentato di fare il sindaco - scrivono - Trasformare un sopralluogo sul cantiere della Gallico-Gambarie in una riscossa elettorale basata sul falso, è quanto di più politicamente sgarbato si potesse fare. Oltretutto, non siamo neppure stati avvertiti, in quanto amministratori del territorio, della sua visita ai cantieri della Ga-Ga".

Continuano gli amministratori: "Molto scorretto da parte di Giuseppe Falcomatà, ultimamente troppo impegnato a riempire di contenuti le sue pagine social piuttosto che la sua reale attività politica". E sottolineano: "Ci consola sapere che i cittadini di Reggio e provincia non abboccano a certi tipi di prese in giro, come quella appunta in circostanza. Tuttavia, ci corre l'obbligo di formalizzare nero su bianco la nostra disapprovazione per la condotta istituzionale poco consona del Sindaco, tanto dal punto di vista comunicativo quanto dal punto di vista politico".

"Promozione alle spalle dei territori prendendo meriti che non gli appartengono"

Gli amministratori della Vallata del Gallico ricordano a Falcomatà che, in virtù del suo ruolo di sindaco metropolitano, rappresenta l'intera provincia: "Non ci stiamo a consentire che si faccia promozione sulle spalle dei nostri territori, prendendosi meriti che non gli appartengono neppure in infinitesima parte". E concludono chiedendo una pubblica dichiarazione da parte del sindaco: "Ammetta di aver commesso un errore grossolano con la sua ultima uscita, dimostrando quell'umiltà che deve contraddistinguere in certe occasioni chi si pone alla guida della cosa pubblica".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Gallico-Gambarie, insorgono i sindaci della Vallata: "Propaganda alle spalle dei nostri territori"

ReggioToday è in caricamento