rotate-mobile
Politica

Licenziamenti Consorzi regionali, la Filbi: "Si pensi ad estendere le buone pratiche a tutti"

I due segretari della federazione, De Gasperis e Luvarà, hanno sottolineato come alcune realtà "sembrano intenzionati ad avviare riduzioni di personale"

L'annoso problema dei licenziamenti in Calabria resta una problematica costante e ricorrente. L'attualità regionale parla del Consorzio di Bonifica Ionio Catanzarese, il quale "ha avviato una procedura di licenziamento collettivo che coinvolge 12 famiglie mentre, al contempo, altri Consorzi della regione sembrano intenzionati ad avviare ulteriori riduzioni di personale", come rendono noto Gabriele De Gasperis e Andrea Luvarà rispettivamente segretario generale e segretario regionale della Filbi-Uil.

Nel ribadire la grave situazione, i due esponenti della federazione si dicono "sorpresi e amareggiati da questa notizia tanto più dopo aver ascoltato ieri dalla ministra Bellanova parole di apprezzamento sul ruolo dei consorzi e l’impegno a continuare gli investimenti nelle attività degli Enti; sorpresi e amareggiati, soprattutto, dopo aver condiviso, in questo senso, l’invito del presidente dell’Anbi Vincenzi a operare per superare distanze ancora presenti tra il nord e il sud del paese."

“Ci auguriamo - prosegue la nota di De Gasperis e Luvarà - che quando si parla di accorciare l’Italia si pensi ad estendere le buone pratiche a tutti i consorzi e non a tagliare il personale. La Filbi è contraria a scorciatoie che scaricano sulle spalle dei lavoratori gli errori delle amministrazioni e gli effetti di una troppo alta evasione contributiva."

"Siamo anche interessati - ribadiscono in conclusione i due esponenti -  a conoscere l’opinione a riguardo dei candidati governatori alle prossime elezioni regionali e a sapere se la loro idea di sviluppo per la Calabria parta dai licenziamenti o dagli investimenti”.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Licenziamenti Consorzi regionali, la Filbi: "Si pensi ad estendere le buone pratiche a tutti"

ReggioToday è in caricamento