Mercoledì, 17 Luglio 2024
L'attacco / Polistena

Polistena, Tripodi: "Nel dca 141 non un euro per l'ospedale, Occhiuto conferma intenzione di chiuderlo"

Il sindaco denuncia l'esclusione del presidio dal nuovo programma di investimenti rifinanziato dal commissario ad acta

Il sindaco di Polistena, Michele Tripodi, punta l'indice contro il dca numero 141 del 17 giugno 2024 del commissario alla sanità calabrese Roberto Occhiuto, che ha riprogrammato oltre 450 milioni di risorse residue assegnate agli ospedali calabresi ed afferenti al programma di investimenti ex articolo 20 della legge numero 67/1988. "Il commissario taglia e cuci della sanità calabrese ha ancora escluso l’ospedale di Polistena dai programmi di finanziamento", denuncia Tripodi in una nota.

Non un euro è stato infatti destinato alla riqualificazione o ristrutturazione del presidio polistenese, mentre nei nuovi investimenti riprogrammati figurano gli ospedali di Locri, Melito, Castrovillari, Cetraro e Paola, che, sottolinea il sindaco, prima erano inseriti come l’ospedale di Polistena nei progetti valutabili dall'Inail.

Afferma Michele Tripodi: "Ancora una volta, il commissario Occhiuto non compie atti che rassicurano il territorio circa la permanenza in vita dell'ospedale di Polistena. Nonostante la grande mobilitazione del 4 maggio alla quale hanno partecipato sindaci, rappresentanti sindacali, mondo dell'associazionismo che si batte per la tutela del diritto alla salute, Occhiuto non ha ritenuto ancora di modificare quella assurda previsione contenuta nel Dca 64 che appunto prevede la cancellazione dell'ospedale di Polistena una volta costruito il nuovo ospedale a Palmi".

Per la costruzione dei nuovi ospedali il Dca 141 ribadisce un impegno di ulteriori 172 milioni che si aggiungono a quanto stanziato finora, in parte sprecato secondo Tripodi: "Per gli ospedali esistenti e indicati ricompresi nei programmi Inail ci sono circa 132 milioni. Per l’ospedale di Polistena le risorse sono zero. E’ un fatto molto grave che supera le parole contraddittorie e poco rassicuranti del presidente-commissario a margine della manifestazione del 4 maggio. Per ritornare ad essere credibile il governatore Occhiuto, come ha fatto per gli altri presidi della Calabria, dovrà riprogrammare i fondi ex articolo 20, stanziando 30 milioni per l’ospedale di Polistena, che figura tra i progetti di riqualificazione valutabili dall’Inail ma senza, giova sottolinearlo, alcuna speranza di finanziamento".

Conclude Michele Tripodi: "Sino a quando ciò non avverrà il tagli e cuci del presidente-commissario rimane un inaccettabile 'taglia e cuci su misura', che lascia fuori il presidio ospedaliero di Polistena da qualunque possibilità di sviluppo, confermando così l’intento reale diverso dalla propaganda regionale, quello ciò di depotenziarlo progressivamente per poi chiuderlo".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Polistena, Tripodi: "Nel dca 141 non un euro per l'ospedale, Occhiuto conferma intenzione di chiuderlo"
ReggioToday è in caricamento