Nucera da Palazzo Chigi: “Investimenti per rilanciare la nostra terra”

Sit in di una delegazione di sindaci calabresi a Roma insieme al presidente del movimento La Calabria che Vogliamo. "La Calabria ha bisogno di infrastrutture primarie e digitali"

I sindaci a palazzo Chigi

Attirare l'attenzione per affrontare un tema delicato e fondamentale come lo sviluppo della Calabria, regione ricca di potenzialità che non devono essere ignorate. È l'obiettivo del sit in attuato il 22 settembre a Palazzo Chigi da una delegazione di primi cittadini calabresi.

I sindaci si sono impegnati a sottolineare "la necessità di garantire i diritti in Calabria per unire l'Italia, attingendo al Recovery Fund, e chiedere un incontro con rappresentanti istituzionali per consegnare una lettera aperta scritta dal sindaco di Cariati Filomena Greco e già inviata al Presidente della Repubblica Sergio Mattarella ed al Presidente del Consiglio Giuseppe."

I presenti

La delegazione calabrese é stata composta dai primi cittadini di Acri, Villapiana, San Marco Argentano, Lungro, Cariati, Cassano Jonio, Diamante e Marzi. Con loro figurava anche Giuseppe Nucera, presidente del movimento La Calabria che vogliamo.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Le parole


Nucera Giuseppe-3-2Nucera (in foto), ex Presidente di Confindustria Rc, ribadisce le volontà del movimento: "Abbiamo aderito con piacere ed entusiasmo alla manifestazione promossa e organizzata dal sindaco di Cariati, Filomena Greco. Il programma del movimento ‘La Calabria che vogliamo’ da sempre è incentrato sulle necessità e sulle potenzialità del nostro territorio, era importante essere presenti qui, oggi a Roma.

Il Governo - prosegue - può e deve fare della Calabria il più grande laboratorio europeo per l'innovazione e la sostenibilità ed evitare che il Recovery Fund si trasformi in una nuova occasione persa. Ponte sullo Stretto, infrastrutture, Alta Velocità: tutte queste -sottolinea Nucera- sono priorità per la Calabria che allo stesso tempo devono rappresentare pilastri del rilancio di tutta l’Italia.

La Calabria - spiega ancora Nucera - ha bisogno di infrastrutture primarie e digitali, di garanzia dei diritti fondamentali e allo stesso tempo di investimenti nel capitale umano. Il nostro Movimento, oggi al fianco della delegazione di sindaci calabresi, ribadisce al Governo l’assoluta necessità di un grande piano di investimento per il sud e il nostro territorio in particolare.

Non ci fermiamo anzi - conclude Giuseppe Nucera - continueremo la nostra battaglia con determinazione ancora maggiore. E’ stata avanzata una richiesta di incontro ufficiale al Governo per il prossimo 7 ottobre. Il Movimento La Calabria che vogliamo sarà ancora presente, in prima fila, a fianco di chi vuole difendere la nostra terra e rilanciarla."

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuovo Dpcm contro il Covid: stop anticipato a ristoranti e bar, no al divieto di circolazione

  • La Calabria verso il coprifuoco e la chiusura delle scuole: in arrivo nuova ordinanza regionale

  • Falcomatà battezza la sua nuova giunta: "Capaci di vincere le partite più difficili"

  • "Batteri coliformi nell'acqua", scatta il divieto per uso alimentare in alcune zone della città

  • Gallo e la M&G Holding, le Iene "indagano" sulla società del presidente amaranto

  • La droga in Sicilia arrivava via mare, due arresti sulle acque dello Stretto

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ReggioToday è in caricamento