rotate-mobile
Lunedì, 4 Luglio 2022
La scelta

Pd verso il congresso reggino, manca l'unità sul segretario

Si è cercato di trovare la quadra su un nome condiviso ma spunta la proposta Morabito che dovrà sfidarsi con Giovanni Nucera

Mancano dieci giorni, ormai, al congresso provinciale del Partito democratico quando l'assemblea degli iscritti dovrà scegliere il nuovo segretario. Il 17 e 18 febbraio, infatti, saranno gli iscritti a decidere sulle sorti del partito reggino che negli ultimi anni non ha navigato in buone acque.

Nicola Irto nel suo nuovo ruolo di segretario regionale deve cercare di ricucire le spaccature che ci sono in riva allo Stretto ma non sarà facile e da quanto si capisce l'asse con Seby Romeo, già segretario del partito, non fa che acuire le divisioni con Giuseppe Falcomatà. Il sindaco sospeso, infatti, non riesce a incidere, in questo momento, sulle scelte del Pd e più volte ha evidenziato la necessità di saper trovare la sintesi giusta pur nelle diversità di vedute. 

Irto, dal canto suo, ha già dovuto svolgere il ruolo di mediatore nella crisi scoppiata a Palazzo San Giorgio e adesso in questa partita per la segreteria provinciale reggina, pur cercando un nome condiviso con le diverse anime del Pd, di certo non farà altri passi indietro: Seby Romeo si è ritirato dalla corsa proprio per carcare un nome condiviso e non spaccare il partito. Ma sembra che non sia bastato.

Così negli ultimi tempi ecco che si sono fatti i nomi di Stefano Perri, già portavoce del sindaco Falcomatà, così come quella di Giovanni Minniti, Valeria Bonforte e Muraca. Ma è su Antonio Morabito che sembra possa esserci la convergenza, sembra indicato anche dal "Nazareno". Antonio Morabito è crescito a pane e politica, figlio di Giuseppe Morabito, detto Pinone, già presidente della Provincia e avvocato. 

Nella sede dei Democratici in via Filippini, intanto, si era presentato Giovanni Nucera, ex consigliere regionale, con le sue firme utili, 270, per la presentazione della candidatura. Ne ha portate ben cinquanta in più visto che erano necessarie 220. Ma il presidente della commissione Andrea Giunta ha optato per il rinvio della presentazione delle candidature, così come hanno chiesto anche gli altri “papabili”. Dopo ventiquattro ore però restano sul campo le candidature di Giovanni Nucera e Antonio Morabito e un Pd che continua ad essere diviso. Vedremo durante la fase congressuale se le differenti vedute saranno motivo di arricchimento politico o se rimarranno solo fredde posizioni di scacchiere politico. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Pd verso il congresso reggino, manca l'unità sul segretario

ReggioToday è in caricamento