rotate-mobile
Giovedì, 27 Gennaio 2022
Politica

Tir a Pentimele, il centrodestra reggino: "Pronto ricorso al Tar per bloccare il progetto"

Non si è fatta attendere la risposta dei rappresentati di Forza Italia, Lega, Fratelli d’Italia, Udc, Movimento Nazionale Sovranista e Reggio Futura, pronti a fermare "un governo nemico della città"

Dopo l’annuncio del via libera da parte del ministero dell'ambiente sul progetto di spostamento dell'approdo per i mezzi pesanti tra le due sponde e dopo che il primo cittadino Giuseppe Falcomatà si è detto pronto alle “barricate”, per impedire che si realizzi l’attracco al porto di Pentimele, non si è fa attendere la risposta del centro destra reggino.

Un centrodestra che convoca, in via “urgente” una conferenza stampa per fare il punto su quello che definisce come l’ennesima “mannaia” per la città. Uniti come non mai, i rappresentanti di Forza Italia, Lega, Fratelli d’Italia, Udc, Movimento Nazionale Sovranista e Reggio Futura, riuniti presso la sede del coordinamento provinciale di Forza Italia, hanno annunciato un azione ‘concreta’ per bloccare la decisione dell'ambiente, è pronto infatti "un ricorso al Tar e una interpellanza parlamentare.

E' per voce della rappresentate di Forza Italia in consiglio comunale, Mary Caracciolo, che viene ricordato che "fu proprio il centrodestra reggino in tempi non sospetti, era il 2016,  a mettere in luce il folle progetto che il governo stava programmando. E fu sempre il centro destra -continua- ad informare il primo cittadino di questo pericolo, invitandolo a fare qualcosa. Ebbene -sottolinea Caracciolo- dal 2016 ad ora, il sindaco non ha fatto nulla”.

La “scarsa autorevolezza –dice Cannizzaro- dei nostri rappresentati ha fatto si che, nemmeno il governo loro alleato li abbia ascoltati o dato credito. Tanto che, nonostante il parere negativo da parte di comune, Regione e cittadinanza, il ministero ha dato il suo via libera alla realizzazione di questo progetto”. Un progetto, proseguono i rappresentati di centrodestra, che definiscono scellerato e disastroso deciso da “un governo nemico della città”.

L'accusa al Partito democratico, spiega Cannizzaro, ha una sua ragione d'essere perchè: “Non è un caso che  la proposta nacque quando al governo c'era il centrosinistra  e, caso vuole, che spunti,proprio quando al governo torna proprio quella parte politica che io definisco nemica di Reggio Calabria, aiutata dal M5s e da Falcomatà”.

Nel corso della conferenza stampa, molti gli interventi da parte di cittadini che abitano proprio nelle vicinanze del porto di Pentimele e che sollevano forti timori sulla realizzazione di quest’opera che “porterà non pochi disagi alla già compromessa viabilità cittadina”. Proprio sulla viabilità, piccola parentesi è stata aperta dal padrone di casa Cannizzaro che ha voluto rispondere ai tanti “detrattori, fini amici del centrodestra e smanettoni di internet, a loro dico di stare tranquilli e non creare allarmismi. Grazie ad un parlamentare scemotto calabrese lo scalo reggino non chiuderà. Sta già partendo la gara d’appalto per assegnare i lavori di restyling”. Alla conferenza stampa erano presenti, inoltre, Massimo Ripepi (FdI), Paola Lemma (Udc), Giuseppe Agliano (RF), Ernesto Siclari (Mns), Emiliano Imbalzano (Lega).
 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Tir a Pentimele, il centrodestra reggino: "Pronto ricorso al Tar per bloccare il progetto"

ReggioToday è in caricamento